Calcio: Amich. Estiva 2017-2018, Rieti-M. Cimini 4-1

Calcio: Amich. Estiva 2017-2018, Rieti-M. Cimini 4-1

23 Agosto 2017 0 Di puntoacapo

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 443 volte!

Poker amarantoceleste ai danni di una volenterosa e volitiva compagine cimina, arresasi soltanto negli ultimi 35′ di gara

Di Giorgio Zanirato

RIETI CALCIORIETI: Scaramuzzino, Rossi (1’st Bottaluscio), Ispas (1’st Corinti), Cuffa (27’st Camilli), Dionisi (1’st Dalmazzi), Biondi (38’st Dionisi), Piras (1’st Mostarda), Luciani, Scotto (27’st Laplace), Tirelli, Marcheggiani (36’st Tinari). A disp: Prudente, Scardala, Cericola. All. Carmine Parlato

13718769_1058861760867217_6737784851053012843_nM. CIMINI: Somma (1’st Liotti), Francescangeli (1’st Joao Enamoto), Soccorsi, Lazzarini (1’st De Simone), Brizi (13’st Balletti), Bricchetti, Giurato (36’st Fazioli), Chirieletti (27’st Ciucci), Ceccarelli (1’st Corrado), Barbetti, Laurato (13’st Andreoli). All. Sergio Oliva

ARBITRO: Di Filippo di Rieti

MARCATORI: 4’pt Giurato (M); 7’pt Scotto (R); 18’pt Biondi (R); 35’pt Cuffa (R); 7’st Tirelli (R)

NOTE: Spettatori 150 circa. Ammoniti: Chirieletti. Angoli: 3-3. Recupero: 1’pt; 0’st

RIETI (RI) – Amichevole di prestigio per il Monti Cimini, che sale fino alle pendici del Terminillo per “dividere l’allenamento” con i padroni di casa del Rieti. Gli amarantocelesti, scottati dalla mancata salita nei professionisti, hanno affidato quest’anno la panchina a Carmine Parlato (ex calciatore di Avellino, Padova, Viterbese e Mantova), tecnico campano che in passato ha condotto nel professionismo Rovigo, Pordenone e gli stessi euganei/patavini, vincendo anche uno scudetto di serie D con il Pordenone.

GiuratoPartono subito forte gli ospiti, che al 4′ sbloccano il risultato grazie allo spunto sotto porta del rapace d’area di rigore Giurato, abile a sfruttare un piccolo errore difensivo reatino ed a beffare l’ex estremo difensore del Savio Scaramuzzino, su assist del solito Laurato (ex di turno alla pari di De Simone e Brizi). La squadra padrona di casa però, una volta in svantaggio, non si disunisce ed anzi perviene immediatamente al pareggio: è infatti il 7′ sul cronometro quando da uno schema provato in allenamento, Scotto riesce ad inserirsi nel cuore dell’area di rigore ed a superare Somma, su assist di di Cuffa. Il Rieti approfitta del momento e ribalta il risultato al 18′; assist di Scotto per Biondi che passa in mezzo alle maglie della retroguardia viterbese e realizza con il mancino. Sabini ancora pericolosi sei giri di orologio più tardi, con il sinistro da fuori di Piras; Somma controlla che il pallone esca sul fondo e che l’azione si esaurisca in nulla di fatto. La squadra amarantoceleste insiste in fase offensiva e pochi istanti dopo sfiora la terz marcatura con Scotto che, servito splendidamente dall’assist di Rossi, aggira Soccorsi e calcia con il sinistro; palla a lato di poco. La risposta dei gialloneri ospiti non tarda ad arrivare: cross dalla sinistra del solito inesauribile Laurato per la girata di testa nel cuore dell’area piccola da parte di Ceccarelli, con pallone incredibilmente a fondo campo. Applausi convinti da parte della dirigenza cimina presente in tribuna per quest’azione importante creata dai ragazzi di Oliva (25′). Monti Cimini che ci riprova un minuto più tardi, sugli sviluppi di un calcio piazzato da posizione centrale, battuto da Barbetti; palla alta di poco. Scotto traversaMa è il Rieti a dare l’impressione di avere una maggior lucidità sotto porta: al 35′ infatti Scotto riceve palla da Cuffa (che a sua volta l’aveva conquistata a centrocampo su errore dello stesso ex calciatore del Celano, ndr). Il tiro dell’ex Torres viene deviato da Lazzarini, ma diventa buono per Marcheggiani che lo rimette al centro proprio per il bomber isolano, il cui sinistro si stampa sulla traversa a Somma battuto, prima che Bricchetti perfezioni in calcio d’angolo evitando guai (35′). Sugli sviluppi dello stesso tiro dalla bandierina, arriva il 3-1 per i padroni di casa con la zampata vincente dell’ex Padova e Viterbese Cuffa, abile a sfruttare un’indecisione del pur bravo portiere avversario ’97 Somma. Vibranti proteste che hanno animato decisamente il finale di frazione e il rientro in panchina delel due squadre riguardano infine l’episodio contestato dal Monti Cimini e che lascia spazio a diverse interpretazioni: Barbetti lancia in profondità per Giurato, atterrato da Rossicontrasto Rossi-Giurato ma per l’arbitro della sezione UISP di Rieti, Di Filippo, è tutto regolare. Ora, come sempre mettiamo a vostra disposizione l’azione incriminata, specificando però altresì che si tratta comunque di una gara amichevole e di preparazione al campionato. Ci può stare che non vengano assegnati rigori, e molto dipende dal giudizio soggettivo di chi è chiamato a dirigere questo genere d’incontri. L’azione prosegue con Laurato ostacolato da Cuffa; l’ex Civitavecchia e Fregene alza le braccia ma anche in questa circostanza il giudice di gara non ravvisa gli estremi per assegnare una punizione ai cimini. Tutto questo fa nascere poi una serie di episodi che conducono ad un pizzico di elettricità già tipicamente in “stile campionato”, ma poi tutto rientra nei ranghi della “normale amministrazione e si torna in panchina o negli spogliatoi per dissetarsi e riposarsi qualche minuto, in vista del secondo tempo.

La ripresa è contraddistina dalla consueta girandola di cambi e dall’unica azione che porta al goal del poker reatino ad opera di Tirelli, su assist di Scotto al 7′. Fissato il punteggio sul definitivo 4-1, il Monti Cimini esce progressivamente dall’incontro anche a causa del gran caldo tornato a farsi sentire anche in zone notoriamente più fresche , come le pendici del Terminillo. Ovviamente come sempre accade in questi casi, non è importante il risultato e dunque la vittoria o la sconfitta; Naturalmente a nessuno piace perdere, ma va detto che in campo allo “Scopigno” c’erano valori differenti, con un Rieti che probabilmente non sarà da considerare “ammazza-campionato”, ma può sicuramente lottare per vincere (finalmente) il campionato di serie D; d’altra parte, il Monti Cimini è stato costruito per stare in alto nel massimo torneo regionale (Eccellenza), provando a rinverdire i fasti di quella Sorianese (la zona geografica di pertinenza è più o meno quella, anche se si gioca a Vignanello e non a Soriano nel Cimino) che giunse  a disputare per due volte nella propria storia il campionato di Serie D. Un buon test per entrambe quindi, con il Rieti proiettato ora al primo appuntamento ufficiale della stagione, che coincide con il primo turno di C. Italia (domenica 27, allo Scopigno arriva il Villabiagio, formazione umbra vincitrice della Coppa Italia dilettanti cat. Eccellenza); il 3 settembre invece si tornerà a fare tremendamente sul serio: gli amarantocelesti ospiteranno subito il Latina (reduce dal fallimento e ripartito dall’Interregionale dopo la retrocessione in Serie C dello scorso anno), mentre a Vignanello (a proposito di neo retrocesse) giungerà la Cynthia di Gianluigi Staffa, ritornata quest’anno in Eccellenza dopo dieci stagioni trascorse in Serie D.

A fine gara, abbiamo raccolto le dichiarazioni del Ds dei gialloneri Severino Capretti, che riportiamo qui di seguito: “Siamo partiti molto bene e ben determinati. Per 25′ abbiamo sicuramente meritato e tenuto testa ad un avversario di categoria superiore come il Rieti, poi è uscita fuori alla distanza la squadra di mister Parlato con grande personalità ed anche un pizzico di fortuna in occasione dei goal messi a segno. L’ex direttore sportivo di Capena, Valle del Tevere e La Sabina ha poi proseguito: “Nella ripresa la squadra ha giocato bene per i primi 10′ di gara, con ottime giocate sulla mediana. Poi come sempre in questi casi, i cambi hanno fatto la differenza, facendo saltare gli schemi e le geometrie. Riguardo alla squadra ed alla condizione atletica, Capretti intende sottolineare un fattore importante: “E’ una squadra- spiega il Ds cimino- quasi completamente nuova; per vederla al top bisognerà attendere almeno le prime 3/4 giornate di campionato”. Stagione che partirà subito contro una formazione neo retrocessa dalla serie D come la Cynthia, che vorrà sicuramente ben figurare per provare a ritornare subito in Interregionale (obiettivo tenuto rigorosamente celato, ma al quale punta anche la compagine di Oliva, ndr): “Noi comunque – prosegue- inevitabilmente dobbiamo farci trovare pronti già per il 3 Settembre, almeno quanto basta per partire subito con la conquista dei primi 3 punti in palio. Affronteremo un’ottima squadra indubbiamente e le insidie sono certamente in agguato. Ma noi dobbiamo vivere con il sorriso ogni settimana di lavoro, con la fame di chi vuole raggiungere un sogno”

In conclusione un doveroso ringraziamento alla società Fc Rieti, nella persona di Marco Ferroni, per la disponibilità, la cordialità e la professionalità con cui ha accolto e consentito lo svolgimento del nostro lavoro. E poi un piccolo pensiero (sebbene sia il 23 Agosto) a chi da queste parti un anno fa ha perso casa e persone care: è già trascorso un anno da quella tragica mattina del 24 Agosto 2016, ma il pensiero è sempre rivolto al popolo di queste terre (Amatrice, Arquata d. T., e dintorni). Noi di Punto a Capo Sport (per quanto possa servire) siamo davvero vicini a tutti voi e non vi dimentichiamo!