Calcio: Eccellenza, C. Italia, Andata 16mi, M. Cimini-Cavese 4-2

Calcio: Eccellenza, C. Italia, Andata 16mi, M. Cimini-Cavese 4-2

11 Ottobre 2017 0 Di puntoacapo

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 396 volte!

Vittoria giallonera in gara-1, ma fra 15 giorni a Poli sarà battaglia vera

Di Giorgio Zanirato

1025927M. CIMINI: Liotti, Francescangeli (20’st Corrado), Brizi, Di Battista, Salvatori, Bricchetti, Enamoto (4’st Lazzarini), Grottanelli (28’st Soccorsi), Ceccarelli (1’st Laurato), De Souza, Andreoli (11’st Lelli). A disp: Somma, Ndaw. All. Giovanni Patrizi

indexCAVESE: Sabelli, Pepe (41’st Pica), Rufini (5’st Chialastri), Antocchi, Scotto di Clemente, Krasniqi (27’st Manni), Stazi, Giacché, Castro (44’pt Pasquazi), Pieragostini, Blandino. A disp: D’Aniello, Mania. All. Luigi Alvardi

ARBITRO: Scotto D’Antuono di Roma1

ASSISTENTI: Rastelli di Ostia e Ligresti di Civitavecchia

MARCATORI: 10’pt Krasniqi (C); 7’st Di Battista (M); 11’st rig. Bricchetti (M); 23’st Corrado (M); 27’st rig. Giacché (C); 39’st Lazzarini (M)

NOTE: Spettatori 60 circa. Espulso: Stazi (C) al 9’st per somma di ammonizioni. Ammoniti: Enamoto. Angoli: 5-4. Recupero: 3’pt; 3’st

VIGNANELLO (VT) – Tempo di Coppa Italia nel massimo torneo regionale: a Vignanello si gioca l’andata dei 16mi di finale, fra i padroni di casa della Monti Cimini (gir. A) e la Cavese (gir. B), da poco affidatasi all’esperienza di un tecnico di prestigio come Luigi Alvardi.

Padroni di casa leggermente rimaneggiati: fuori Chierieletti, Copponi, Giurato e lo squalificato Barbetti; in panchina i “titolari” o comunque coloro che in questo primissimo scorcio di stagione hanno spesso giocato dal primo minuto. La prima emozione è comunque per gli ospiti: Antocchi mette al centro un pallone che in qualche modo arriva a beneficio di Blandino, la cui conclusione strozzata da Salvatori viene bloccata a terra da Liotti (3′). 1-0 CaveseLa risposta cimina arriva tre minuti più tardi quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, De Souza si fa respingere la conclusione da Rufini. Il goal che sblocca il risultato arriva al 10′: calcio d’angolo per il M. Cimini, la difesa ospite spazza e riparte in contropiede con l’ex S. Cesareo Pieragostini che arrivato al limite dell’area serve un pallone d’oro a Krasniqi il quale, messo a sedere un avversario, supera Liotti con il piatto destro (10′). L0 stesso autore del vantaggio ospite, va vicinissimo al raddoppio al 25′, ma questa volta il tiro da posizione praticamente impossibile termina sul fondo. Sfortunato l’ex tecnico di tantissime squadre Alvardi (soprattutto a livello di serie D, come Arzachena ed Anziolavinio ,ndr): in chiusura di frazione è costretto a rinunciare all’ex Mantova, Unipomezia ed Albalonga Castro per un infortunio muscolare; al suo posto Pasquazi. Si va così all’intervallo con la Cavese avanti per 1-0, al termine di una frazione nella quale gli ospiti hanno sicuramente legittimato il vantaggio.

In avvio di ripresa, novità in campo nei cimini: fuori un impalpabile Ceccarelli, dentro Laurato, nel tentativo di dare vivacità al reparto offensivo affidandosi come sempre all’ex Fregene, che ha quindi il consueto compito di caricarsi sulle proprie spalle la squadra di casa. Al 4′ fa il suo ingresso in campo anche Lazzarini, per dare maggior esperienza a centrocampo. Passano tre giri di orologio e da un cross di Laurato arriva il goal del pareggio, firmato dal giovane ’98 Di Battista (finora mai impiegato in campionato), molto bravo ad inserirsi nel cuore dell’area piccola e a rigore M. Ciminirealizzare di testa. La Cavese subisce il contraccolpo psicologico e dopo appena due minuti rimedia un calcio di rigore a svafore, per il presunto fallo di Stazirigore M. Cimini bis: come sempre giudicate voi.

Nella circostanza, il giocatore della Cavese viene anche espulso per doppia ammonizione.  Gara dunque che cambia e Monti Cimini che ha così una ghiottissima opportunità di operare la rimonta. Dal dischetto si porta (come a Pietralata) Bricchetti; l’ex Civitavecchia non sbaglia e porta i suoi sul 2-1 all’11’. La Monti Cimini è anche fortunata: al 23′ arriva il terzo goal sugli sviluppi di una respinta della retroguardia ospite sul calcio d’angolo battuto dalla destra; Corrado calcia dal limite, trovando la maldestra deviazione di Scotto di Clemente, che inganna Sabelli e fa carambolare il pallone in rete, per il punto del 3-1 in favore dei padroni di casa. Ma il goal è comunque ascrivibile all’ex esterno di Palestrina e Cassino. Nonostante il passivo di due reti e l’uomo in meno, però, la squadra di Alvardi non si disunisce ed al 27′ riesce a trovare un calcio di rigore (il secondo della partita in pochissimi minuti) per fallo di mano di Lelli. fallo di mano LelliDagli undici metri si porta l’esperto Giacché, che supera Liotti e dà nuove speranze alla Cavese: 3-2. Nonostante il “doppio vantaggio” (numerico e nel punteggio) la Monti Cimini non riesce ad imporre il proprio gioco (che ancora latita) e la Cavese resta in partita. Al 39′ arriva anche il poker dei viterbesi, ad opera di Lazzarini che evita Sabelli e mette in rete con il piatto sinistro. E’ questa l’ultima emozione dell’incontro: a Vignanello s’impone dunque la Monti Cimini, ma la Cavese può essere soddisfatta per essere rimasta in gara fino alla fine, nonostante l’inferiorità numerica. Fra quindici giorni, a Poli il match di ritorno, che si preannuncia comunque aperto e battagliero.

Ora spazio al campionato: nel prossimo turno di domenica le rivali di M. Cimini e Cavese si chiamano V. Artena e Play Eur; due ostacoli non proprio semplicissimini da superare per due squadre un pò in difficoltà in questo momento. Servirà concentrazione massima, per provare ad incamerare punti pesanti per le rispettive graduatorie.