Calcio: Eccellenza, 17ma giornata gir. A 2017-2018, Ladispoli-A. Vescovio 3-1

Calcio: Eccellenza, 17ma giornata gir. A 2017-2018, Ladispoli-A. Vescovio 3-1

23 Dicembre 2017 0 Di puntoacapo

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 245 volte!

Rimonta rossoblu nell’ultima gara del 2017; Un Natale da prima della classe per la formazione di Bosco. Vescovio fuori dal Sale a testa alta

Di Giorgio Zanirato

LADISPOLI: Agostini, Salvato, Mastrodonato, Lupo (8’st Gallitano), M. Sganga, Leone, Pagliuca (10’st Marvelli), Bertino (45’st Zucchi), Rocchi (31’st Cardella), La Rosa (27’st A. Sganga), De Fato. A disp: Travaglini, Barone. All. Pietro Bosco

A. VESCOVIO: Berretta, Maestrelli, Modanesi (48’st Soleri), Masi, Madonna, Amici (45’st Tancredi), Cardoni, Zoppis, Sandulli, Bornigia, Palazzolo (19’st Privitera). A disp: Giombetti, Ciampini, Scorta, Tilli. All. Giorgio Marcangeli

ARBITRO: Figliomeni di Roma2

ASSISTENTI: Mazzarella di Ostia e Bianchi di Roma2

MARCATORI: 11’pt Palazzolo (V); 35’pt Pagliuca (L); 24’st Gallitano (L); 44’st De Fato (L)

NOTE: Spettatori 350 circa. Osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Federico Ghigiarelli calciatore del Torrenova, prematuramente scomparso in un incidente. Ammoniti: Madonna, La Rosa, Masi, Leone, Bornigia. Angoli: 4-1. Recupero: 1’pt; 5’st

LADISPOLI (RM) – Nell’insolita veste del sabato pomeriggio, antivigilia del Natale, si gioca l’ultima giornata del girone di andata nel campionato regionale dell’Eccellenza laziale. In un clima festoso e tutt’altro che invernale (ricordiamo infatti che il 21 Dicembre è ufficialmente scattata la stagione solitamente dedicata al freddo ed a temperature abbastanza rigide, ndr), con temperature decisamente primaverili (20° i gradi ufficiali quest’oggi a Ladispoli ndr), Ladispoli ed Atl. Vescovio si affrontano per provare a chiudere al meglio l’anno e passare un sereno Natale, in attesa di tornare in campo il prossimo 7 Gennaio ’18. Un successo che servirebbe molto ad entrambe: i tirrenici vogliono cercare il nuovo aggancio in vetta al Crecas (con annesso platonico titolo di Campione d’Inverno), mentre i romani cercano punti utili a risalire la china in classifica, nella rincorsa alla salvezza. 

I padroni di casa partono decisamente lenti e vengono sorpresi già all’11’ dal vantaggio ospite: Amici arriva a fine corsa e mette un pallone d’oro a centro area, dove Palazzolo riesce a girare alle spalle di Agostini, portiere scelto per l’occasione. Lo stesso esterno offensivo dei biancorossi ci riprova al 20′, ma questa volta la conclusione mancina termina a lato. Il Ladispoli perviene al pari nell’unica conclusione verso la porta di Berretta: Pagliuca, scattato forse in leggerissima posizione di fuorigioco al momento del lancio di La Rosa, entra in area e beffa Modanesi e lo stesso portiere ospite con un tocco sicuramente più di rapina che di classe vera e propria; una rete alla “Pippo Inzaghi” insomma per il giovane attaccante ’97 (scuola Savio e Perconti, ndr) che vale la gioia al ragazzo ed il giusto premio alla caparbietà e grinta di un talento che non ha mai chiesto o reclamato il suo spazio all’interno del gruppo e che il prossimo anno uscirà dall’orbita degli “Under” (che non è ancora chiarissimo, ma è certo che saranno un ’99 ed un 2000 i giovani obbligatori da schierare) (34′). Passano altri tre giri di orologio e La Rosa avrebbe l’opportunità per ribaltare immediatamente il parziale, su assist di Mastrodonato, ma il suo sinistro di prima intenzione termine invece oltre il montante trasversale della porta avversaria e l’occasione sfuma. Altra buonissima chance per i tirrenici al 42′: lancio di Salvato a “pescare” Bertino che al volo con il sinistro impegna Berretta in una presa a terra tutt’altro che semplice. Si va così all’intervallo sul parziale di 1-1 fra Ladispoli e Vescovio: un risultato che fa il paio con quello del “Superga” nel big match di giornata, dove la capolista Crecas viene rallentata dalla compagine castellana padrona di casa, che in tutto l’arco della stagione ha dato prova di poter battagliare alla pari con le più accreditate rivali alla corsa verso il titolo di Campione Regionale. 

In avio di ripresa, è ancora Vescovio: ancora una volta Palazzolo dal limite; destro a lato di pochissimo. I padroni di casa provano a reagire e cinque minuti più tardi è l’ex Trastevere Rocchi a cercare la gioia personale, ma il suo sinistro dall’interno dell’area finisce incredibilmente alto. L’ingresso in campo di un Marvelli pur a mezzo servizio (il calciatore soffre un dolore persistente ad una gamba) scuote la squadra di Bosco e ne cambia il volto al match: le sue folate sull’out di destra mettono in seria crisi la retroguardia dei romani, con il classe ’90 che si carica interamente la squadra sulle proprie spalle nel tentativo di ribaltare il risultato. Al 14′, dopo che pochi secondi prima era stato fermato in maniera sicuramente dubbia (il che ha scatenato le proteste dei sostenitori rossoblu), Rocchi cerca di superare il portiere avversario con un colpo di testa (assist di Marvelli dalla destra, tanto per cambiare, ndr) sul quale (bisogna essere onesti) è bravissimo Barretta a rispondere concedendo il solo calcio d’angolo ai tirrenici. E’ comunque il preludio al goal che arriva dieci minuti dopo, quando sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da La Rosa, il più lesto di tutti a svettare di testa è il neo entrato Gallitano, che si fa perdonare l’erroraccio di domenica a Casal del Marmo contro l’Astrea, firmando il punto del sorpasso tirrenico. Proteste vibranti da parte degli ospiti; a farne le spese è Masi che viene ammonito da Figliomeni. I giocatori del Vescovio probabilmente hanno chiesto un fuorigioco che in realtà questa volta non c’era, visto che il marcatore della rete del 2-1 è in linea con Madonna. Nell’ultima parte di gara, il tecnico Bosco decide di mandare in campo altre due pedine che hanno avuto l’opportunita’ di rifatare un pochino in quest’ultima sfida del 2017: Andrea Sganga e Cardella. E proprio da un assist dell’ex T. T. Teste per il solito instancabile Marvelli, arriva il pallone che porta al tris di De Fato in chiusura di match (44′). Una rete che suggella una rimonta sicuramente voluta, cercata ma che sarebbe stata impensabile a metà primo tempo. 

Un Natale sicuramente felice quello che si passerà in riva al Tirreno: un primo posto (seppur in coabitazione) che è certamente frutto del lavoro di un gruppo più o meno mantenutosi stabile nel corso degli anni, al quale si sono aggiunte pedine importanti e di esperienza come i fratelli Sganga, oltre a Leone, Cardella e Gallitano (solo per dirne alcuni). Il problema dei rossoblu negli anni scorsi è stato sempre legato alla continuità dovuta al lavoro sul campo; quest’anno forse i ritardi di due superpotenze (sulla carta, ad agosto) come UniPomezia e M. Cimini hanno sicuramente agevolato le certezze del Ladispoli; ora che il mercato invernale ha restituito (finalmente) i pometini al campionato, sicuramente saranno 17 gare avvincenti e tutte da vivere, con Crecas, Ciampino, UniPomezia, Artena e appunto Ladispoli pronte a conquistare il titolo che attualmente è nelle mani dell’SFF Atletico. L’Atletico Vescovio, dal canto suo,  invece esce a testa alta da questa sfida, anche se a causa di una concatenazione strana di risultati si ritrova in ultima posizione di classifica. E’ un gruppo abbastanza giovane, al quale sicuramente servirà l’esperienza di un ritorno (graduale ma importantissimo per vari motivi) come quello di Filippo Morgavi. 

 

UN AUGURIO COMPLESSIVO DI BUON NATALE A TUTTI I TIFOSI, GENITORI, GIOCATORI E DIRIGENTI DI LADISPOLI E VESCOVIO DA PARTE DI PUNTO A CAPO SPORT!

 

37   LADISPOLI, CRECAS    (CAMPIONI D’INVERNO)

34   CIAMPINO

33   ARTENA

29   UNIPOMEZIA, E. MONTEROTONDO

28   ASTREA

25   CYNTHIA, V. DEL TEVERE

19    TOLFA

17    CIVITAVECCHIA

16    M. GROTTE CELONI, R. MONTEROTONDO S.

15    BOREALE, M. CIMINI, TOR SAPIENZA, L. MARINO

14    A. VESCOVIO