Calcio: Eccellenza, and. semifinali C. Italia, Astrea-Sermoneta 2-1

Calcio: Eccellenza, and. semifinali C. Italia, Astrea-Sermoneta 2-1

11 Gennaio 2018 0 Di puntoacapo

Hits: 1

Questo articolo è già stato letto 150 volte!

La formazione della Pol. Penitenziaria si aggiudica gara-1, ma il punteggio finale lascia aperto ogni scenario in vista del ritorno

Di Giorgio Zanirato

ASTREA: Placidi, Tagliaferri, Briotti, Aureli, Cipriani, Cruciani, M. Fratini (6’st Giuntoli), Mollo, Di Iorio, Di Benedetto, Ciolli (35’st Putrino). A disp: Busico, Parmigiani, L. Fratini, Rondoni, Petitta. All. Quintiliano Mastrodonato

L. S. SERMONETA: Viscusi, Dalla Nora, Schiavon, De Santis, Formato, Celli, Onorato (15’st Peressini), Le Rose (16’st Marchetti), J. Gesmundo, Aquilani, Gori (16’st Valente; 50’st Spirito). A disp: Venturiero, Antonelli, Ciccarelli. All. Francesco Gesmundo

ARBITRO: Giudice di Frosinone

ASSISTENTI: Picillo di Cassino e Gookooluk di Civitavecchia

MARCATORI: 31’pt rig. Onorato (S); 8’st rig. Di Iorio (A); 12’st Cruciani (A) 

NOTE: Spettatori 200 circa. Espulso: Dalla Nora (S) al 49’st per gioco pericoloso. Ammoniti: Mollo, De Santis, Tagliaferri, Celli, Formato, Valente. Angoli: 6-5. Recupero: 1’pt; 6’st

ROMA – Eccellenza di nuovo in campo, questa volta in infrasettimanale per l’andata delle semifinali di C. Italia. A Casal del Marmo si gioca gara-1 (l’altro match in programma è a Genzano, fra la Cynthia ed i Campioni in carica dell’Unipomezia, ndr). La finale (campo ancora da decidere) si giocherà il prossimo 7 Febbraio. 

La prima emozione è targata Astrea: dopo un batti e ribatti il pallone giunge all’esperto bomber Di Iorio che dal limite calcia fuori di pochissimo (3′). Al 20′ sono ancora i padroni di casa a rendersi insidiosi, con la bell’azione personale dell’ex gioiellino delle giovanili di Tor di Quinto e Perconti Matteo Fratini, la cui conclusione da fuori viene deviata in corner dal “pari età” (sono entrambi classe ’97) Viscusi. Proteste pontine sei giri di lancette più tardi, per un possibile tocco di mano in area di Tagliaferri sulla conclusione tentata da Aquilani. L’arbitro ciociaro lascia proseguire. Tuttavia, il penalty viene assegnato ai nerazzurri al 29′, per la trattenuta di Cipriani ai danni di Formato. Dal dischetto Onorato non sbaglia, spiazza Placidi con il piatto sinistro e fissa il parziale sullo 0-1 in favore della squadra di Francesco Gesmundo. Una rete molto importante nell’ottica dei 180° questa per i pontini. Ma la partita è ancora tutta da vivere qui a Roma: l’Astrea infatti non sembra voler alzare bandiera bianca ed al 42′ va vicina al pari con il diagonale di Ciolli, servito dall’assist intelligente di Di Iorio. La rappresentante sportiva della Penitenziaria protesta nel recupero per un possibile fallo di mano di Formato sul calcio piazzato battuto da Di Benedetto: in realtà dalle immagini si nota come l’arbitro sia molto vicino all’azione nella circostanza, ed il tocco del pallone da parte del difensore pontino avvenga in pieno petto. Pochissimi istanti dopo, è Di Iorio a chiedere il rigore per un altro possibile fallo di mano, sempre dello stesso centrale numero 5 dei nerazzurri: giudicate voi. Su questa emozione cala il sipario sulla prima frazione al campo di Casal del Marmo. In avvio di ripresa, il Sermoneta si fa sorprendere e subisce il penalty assegnato questa volta dal sig. Giudice per il fallo di mano (?) di Formato. Anche in questo caso…giudicate voi; il ragazzo non protesta, ma le immagini sembrano scagionarlo. In ogni caso, dagli undici metri si porta Di Iorio, che supera Viscusi e realizza il pareggio per l’Astrea (8′). I padroni di casa ribaltano poi il punteggio dopo appena quattro minuti, grazie alla combinazione Di Benedetto-Cruciani, con il cross pennellato per la testa del difensore ottimamente appostato sul secondo palo. Un risultato prezioso questo, ma che certamente non lascia tranquilla la squadra di Mastrodonato in vista del ritorno fissato per il 24 gennaio. Nel finale, al 39′, il Sermoneta va vicino alla rete che sarebbe valsa il pari: sugli sviluppi di un cross dalla propria metà campo, Gesmundo anticipa di testa l’intervento in uscita di Placidi, ma la sfera fa solamente la classica “barba al palo” ed esce a fondo campo. In un finale convulso viene espulso Dalla Nora, che dunque salterà la gara di ritorno, per un fallo in gioco pericoloso a centrocampo.

Il match di andata, quindi, se lo assicura l’Astrea ma tutto resta in bilico e sarà tutta da vivere la gara che andrà in scena fra quindici giorni al “Righetti” di Latina (Scalo), dove nel frattempo domenica prossima arriverà il Pomezia di D’Este per un vero e proprio scontro diretto valido per la promozione in D. L’Astrea, invece, ospiterà il Grotte Celoni ma non a Casal Del Marmo: a causa di una kermesse di Atletica Leggera (legata alle fiamme Azzurre), si giocherà a Via Vaj (Montespaccato)