Calcio: Eccellenza, nona giornata gir. A 2017-2018, M. Cimini-Astrea 4-0

Calcio: Eccellenza, nona giornata gir. A 2017-2018, M. Cimini-Astrea 4-0

29 Ottobre 2017 0 Di puntoacapo

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 170184 volte!

Prima grande prova di forza della squadra giallonera che annichilisce la compagine della Pol. Penitenziaria con grande qualità tecnica

Di Giorgio Zanirato

1025927M. CIMINI: Somma, Francescangeli, Filipe, Enamoto (39’st Di Battista), Lazzarini, Bricchetti, Corrado, Chirieletti, Ceccarelli (31’st Giurato), Andreoli, Laurato (35’st Salvatori). A disp: Liotti, Grottanelli, Soccorsi, Lelli. All. Giovanni Patrizi

astreaASTREA: Placidi, Cruciani (32’st Ciolli), Forchini (14’st L. Fratini), Aureli (38’st Putrino), Cipriani, Casavecchia, M. Fratini, Mollo, Di Benedetto, Giuntoli, Taliani (14’st Petitta). A disp: Anelli, Dionisi, Puppo. All. Quintiliano Mastrodonato

ARBITRO: Sgro di Albano

ASSISTENTI: Petrella di Albano e Gookooluk di Civitavecchia

MARCATORI: 8’st Enamoto; 28’st Ceccarelli; 48’st Corrado; 49’st Giurato

NOTE: Osservato un minuto di raccoglimento in memoria della Shoah. Spettatori 150 circa. Ammoniti: Enamoto, Francescangeli, Casavecchia, L. Fratini, Chirieletti. Angoli: 5-6. Recupero: 0’pt; 4’st

VIGNANELLO (VT) – Archiviata con successo la Coppa Italia, M. Cimini ed Astrea si trovano ad “incrociare i guantoni” nella nona giornata di andata del gir. A di Eccellenza 2017-2018; è sostanzialmente il giro di boa per quanto riguarda le diciassette gare in programma in questa prima fasedel campionato, a poco più di un mese dal fatidico 1° dicembre, data d’inizio della finestra invernale di calciomercato, utile a modificare gli assetti delle squadre in vista del girone di ritorno. Padroni di casa ancora privi di Ndaw e Copponi, con Brizi e Barbetti in tribuna; negli ospiti indisponibile per squalifica bomber Di Iorio.

L’Astrea sembra partire con il piede giusto, provando anche una conclusione (abbastanza pretenziosa data la distanza) con il giovane Aureli, ma è dei padroni di casa la prima potenziale opportunità da rete: è il 12′ sul cronometro quando Corrado vede e serve Ceccarelli; l’ex calciatore professionista ed ex Pomezia ci prova con un tiro cross, deviato in corner dall’esperto Cipriani. sOMMALa risposta della formazione sportiva legata alla Polizia Penitenziaria giunge al 26′ quando, su calcio piazzato, il “tiratore scelto” dei biancocelesti di Casal del Marmo, ovvero Di Benedetto; Somma è attento e respinge in calcio d’angolo, rispondendo da campione alla conclusione precisa dell’esperto calciatore avversario. L’occasione più ghiotta però probabilmente capita sui piedi di Laurato un minuto più tardi, servito con un passaggio perfetto da parte di Ceccarelli, sul quale la retroguardia romana ha provato a controbattere ma questa volta senza possibilità di ottenere nulla, dal momento che il calciatore che in passato ha vestito le maglie di Rieti e Civitavecchia (fra le altre) è assolutamente in posizione Lauratoposizione regolare. Una volta giunto davanti a Placidi, ed aver scartato l’ex estremo difensore di Parma e Chieti, l’esterno viterbese manda incredibilmente sul fondo un diagonale, il cui esito era praticamente già scritto (27′). Cinque minuti più tardi, la squadra di casa confeziona un’altra potenziale palla gol; Andreoli calcia una punizione all’indirizzo di Corrado che al volo spedisce a fondo campoda posizione invitante. Si chiude 0-0 quindi il primo tempo; gara equilibrata, anche se i gialloneri sembrano decisamente tutt’altra squadra rispetto alle prime otto uscite di campionato fin qui disputate. Probabilmente (anche se sbagliando di poco le tempistiche legate alle gare da attendere, ndr) qualcuno aveva ragione sul fatto che questa squadra sarebbe uscita fuori dopo alcune giornate di campionato, non essendo subito pronta per battagliare con le altre contendenti al titolo (più o meno acclarate)…

Si torna in campo e la prima occasione piùo meno potenziale è ancora una volta per l’Astrea; Cruciani prolunga un cross proveniente da calcio piazzato a beneficio di Giuntoli, che però inacrobazia manda a lato. Obiettivamente complicato se non addirittura impossibile pensare di far del male da quella posizione, ma un attaccante esperto come lui ha comuque l’obbligo di crederci e di provare ad arrivare su ogni pallone (6′). Il goal che sblocca il punteggio arriva centoventi secondi più tardi, sugli sviluppi di un corner a favore della M. Cimini; il nippo-brasiliano Enamoto stacca più in alto di tutti e trova il tempo giusto per mettere alle spalle di Placidi. Ancora Cimini pericolosa in avanti: gran bel dribbling di Chirieletti che poi crossa a beneficio di Ceccarelli, il cui colpo di testa è forse troppo centrale e debole per impensierire il giovane anagraficamente ma già molto esperto portiere biancoceleste. Al 28′ i gialloneri raddoppiano: CeccarelliFrancescangeli conquista un ottimo pallone davanti alla propria area di rigore e dopo qualche metro percorso con la sfera fra i piedi, lancia Ceccarelli (sul filo del fuorigioco). L’ex ariete del Pomezia s’invola verso Placidi e lo supera con un preciso piatto destro. E’ l’apoteosi Ceccarelli bissulle tribune di Vignanello. Messa quasi completamente ko, l’Astrea prova con orgoglio a tenere gli avversari interamente nella propria metà campo, per cercare di dimezzare almeno lo svantaggio e poi giocarsi il tutto per tutto nel finale di partita. Al 38′ è Cipriani da fuori a cercare la gioia personale; Salvatori sporca la traiettoria del tiro, concedendo il corner alla formazione della Penitenziaria. Malgrado la pressione dei romani, non accade granchè nei minutiche seguono e si arriva così alla fase di recupero; corre il secondo giro di orologio nell’extra time e Lazzarini conquista un pallone fondamentale nei pressi della propria area di rigore, uscendo con grande classe e qualità da una situazione insidiosa. L’ex Monterosi vede e serve Giurato; l’ex Viterbese entra in area, si accorge dell’arrivo di Corrado e gli serve la golosissima opportunità di chiudere i conti. L’ex Palestrina e Cassino non sbaglia a porta praticamente vuota e di piatto realizza il 3-0 per la Monti Cimini (48′). Pochissimi istanti prima del triplice fischio, infine, c’è spazio e gloria anche per lo stesso Giurato al quale è stato restituito il favore dall’esterno offensivo campano.

Finisce quindi con un poker di reti (cosa mai avvenuta sinora in campionato) per una Monti Cimini decisamente da applausi, che oggi ha davvero concesso poco o nulla agli avversari, conquistando tre punti meritati e che possono rappresentare il punto disvolta di una stagione non proprio cominciata come molti si auspicavano dalle parti di Vignanello. Da sottolineare la buonissima prova (una manciata di minuti, ma comunque di qualità, con il passaggio decisivo per innescare la corsa incredibile di Corrado) da parte di Di Battista, un ’98 finora impiegato soltanto in Coppa, ma che meriterebbe sicuramente maggior fiducia (poi ovviamente fa parte dei 4 Under che servono in campo: ’96-’97-’98-’99) e che può fare davvero molto bene in questo campionato di Eccellenza.

L’Astrea è parsa in partita a tratti; l’assenza di Di Iorio non può essere un alibi per un gruppo che può davvero “dare fastidio” alle big in questo campionato, pur non avendo una squadra per vincerlo o per dichiarare di voler arrivare seconda. E’ un ko che lascia i biancocelesti nel limbo della “mezza graduatoria”, a sei punti dal secondo posto e con un margine di quattro lunghezze sulla zona playout. Matteo Fratini è un talento puro, anzi purissimo; uno di quei giocatori che probabilmente è perfino sprecato vedere in Eccellenza; l’ex Tor di Quinto e Perconti può dare una grossa mano in fatto di qualità tecnica a questa squadra, anche se oggi è rimasto un pò “appannato”. Ma chi come il sottoscritto segue anche il settore giovanile, può tranquillamente affermare che il miglior acquisto del club residente in quel di Casal del Marmo è proprio l’esterno offensivo ’97.

20 CIAMPINO

19  CRECAS, LADISPOLI

17  E. MONTEROTONDO

16  CYNTHIA, UNIPOMEZIA, V. ARTENA

13  ASTREA

12  V. DEL TEVERE, TOLFA

11  TOR SAPIENZA

10 R. MONTEROTONDO S.

9   M. CIMINI, CIVITAVECCHIA

7   M. GROTTE CELONI, A. VESCOVIO

6   L. MARINO

4   BOREALE

Questa sarebbe, attualmente,  la situazione di classifica qualora finisse così il campionato:

Promossa in serie D

AI PLAYOFF NAZIONALI FRA SECONDE

AI  PLAYOUT

RETROCESSE DIRETTAMENTE IN PROMOZIONE