Calcio: Eccellenza, recupero 2a giornata gir. A 2017-2018, Boreale-M. Cimini 2-2

Calcio: Eccellenza, recupero 2a giornata gir. A 2017-2018, Boreale-M. Cimini 2-2

4 Ottobre 2017 0 Di puntoacapo

Hits: 1

Questo articolo è già stato letto 147 volte!

Disastro biancoviola: la squadra di Radi va avanti 2-0 e poi fa harakiri; gialloneri, un pari di cuore ma c’è da lavorare

Di Giorgio Zanirato

boreale-170BOREALE: Sinibaldi, Buccioni, Englaro, Ferazzoli, Dovidio, Mancini, Panella, Hrustic, Pagni (1’st Teti), Petroccia (1’st Ippoliti), Privitera (15’st De Cubellis). A disp: Cerreti, Leonardi, Ruggiero, Gambale. All. Alessandro Radi

indexM. CIMINI: Liotti, Francescangeli (1’st Enamoto), Soccorsi, Giurato, Andreoli (1’st Corrado), Bricchetti, Lazzarini, Salvatori (1’st Chirieletti), Ceccarelli (9’st De Rosa), Barbetti (43’st De Souza), Laurato. A disp: Somma, Grottanelli. All. Giovanni Patrizi

ARBITRO: Giusti di Ostia

ASSISTENTI: Jorgji di Albano ed Elisino di Ostia

MARCATORI: 13’pt Pagni (B); 32’pt Privitera (B); 36’pt Ceccarelli (M); 34’st Giurato (M)

NOTE: Spettatori 150 circa. Espulso: Bricchetti (M) al 5’st per somma di ammonizioni. Ammoniti: Enamoto, Mancini, Ferazzoli. Angoli: 2-4 . Recupero: 0’pt; 3’st

ROMA- Circa un mese dopo il violento acquazzone che ha colpito Roma, tornano ad “incrociare i guantoni, pardon i tacchetti” le formazioni di Boreale e Monti Cimini. Tante cose sono cambiate da quel 10 settembre, soprattutto in casa viterbese, mentre i romani sono reduci dal primo trionfo stagionale (proprio a Via della Camilluccia) ottenuto domenica ai danni del M. Grotte Celoni, in un fondamentale scontro salvezza.

Nella suggestiva cornice del “Don Orione” ed in un pomeriggio dai contorni tipicamente romani e dalle temperature primaverili più che autunnali, la partita si dimostra piacevole fin dalle sue battute iniziali (giocate sotto gli occhi attenti di moltissimi addetti ai lavori fra cui gli allenatori Di Loreto (Tor Sapienza), Verdiglione, Ferazzoli (ex Monterosi), Antonucci (ex S. Cesareo) e moltissimi direttori sportivi, ndr) con una Boreale che si lascia preferire per intensità e trame di gioco; al 6′ è l’ex G. Monteverde e Ascoli Privitera a provarci, ma la conclusione finisce ben oltre il montante trasversale della porta giallonera. E’ però la formazione di Radi a mettere la freccia per il primo sorpasso sette giri di orologio più tardi: è Pagni dalla sinistra a sorprendere Liotti con un diagonale che beffa il giovane portiere cimino ’97, decisamente sorpreso dalla traiettoria del pallone, su assist di Panella. La risposta ospite è tutta nella sterile conclusione da fuori ad opera di Giurato; Sinibaldi controlla senza patemi che la sfera finisca la propria corsa a fondo campo (23′). Un minuto più tardi, Privitera (spostato a destra da Radi, ndr) riceve ed aggancia un ottimo pallone, si accentra e prova il tiro a giro dal limite; palla alta non di molto. E’ comunque il preludio al goal per l’ex Ascoli, che arriva puntuale al 32′ su servizio di Panella lanciato a rete dall’ex Astrea Ferazzoli: comodo il piattone mancino che vale il raddoppio per una straordinaria formazione padrona di casa. Monti Cimini in bambola e “vittima” di un uno-due da ko tecnico. PriviteraAl 35′ è Panella a tagliare in due la retroguardia viterbese, arrivando indisturbato fino al limite dell’area e calciando con il destro; palla fuori di poco. E’ un monologo biancoviola in questi primi 35′ di gara. La squadra di Patrizi prova però a rientrare in partita al 36′, con l’azione partita da Lazzarini per Laurato; il cross dell’ex Fregene e Civitavecchia è pennellato con il contagiri per il colpo di testa vincente di Ceccarelli, ben appostato sul secondo palo, mettendo a segno il primo goal ufficiale della sua nuova avventura calcistica, dopo i tantissimi realizzati lo scorso anno con la maglia del Pomezia. Tre minuti più tardi, ci prova Panella; Liotti c’è e fa sua la sfera (40′). Trascorrono altri tre giri di lancette e la Monti Cimini ci prova con Ceccarelli in corsa con il destro; Sinibaldi blocca a terra. Senza neanche un secondo di recupero, l’arbitro manda tutti negli spogliatoi.

La ripresa si apre con un’insolita girandola di cambi (due in casa Boreale e ben tre in casa Monti Cimini). Ma la partita cambia volto al 5′, quando l’ex Civitavecchia Bricchetti commette fallo di mano nei pressi del limite dell’area, rimediando il secondo giallo e la conseguente espulsione che lo costringerà a saltare la delicata trasferta di domenica prossima a Ladispoli. Due minuti più tardi, i padroni di casa costruiscono una ghiottissima palla goal: Panella serve il neo entrato Teti, all’interno dell’area ma la conclusione di quest’ultimo viene respinta in calcio d’angolo in modo efficace (anche se un pò fortuito) da Liotti (7′). proteste giallonereAl 25′ la panchina giallonera protesta per un presunto fallo da rigore di Sinibaldi in uscita sui piedi di Soccorsi, lanciato a rete da Barbetti. Come sempre, sta a voi lettori giudicare. Trascorrono sette minuti e la Boreale costruisce un’altra incredibile opportunità per chiudere i conti; lancio millimetrico di Ferazzoli per Ippoliti, anticipato tempestivamente dall’uscita di Liotti. Il pallone respinto dall’estremo difensore giallonero, resta comunque buono per Teti, che forse attende qualche secondo di troppo prima di concludere verso la porta, salvo poi calciare addosso allo stesso estremo difensore viterbese ’97. La squadra di Radi viene raggiunta incredibilmente sul punteggio di parità al 34′ dal diagonale velenoso di Giurato a tu per tu con Sinibaldi, su assist fra le linee da parte di Corrado. Nel finale di match, De Souza sciupa abbastanza clamorosamente la palla del match ball, ma onestamente sarebbe stata una punizione fin troppo eccessiva per la Boreale.

Più che un punto guadagnato dalla Monti Cimini si può tranquillamente parlare, in sede di commento finale, di due persi dalla formazione di Radi, per come si è sviluppata la gara: una squadra che domina il primo tempo, riesce ad andare meritatamente sul doppio vantaggio (poi ridotto in chiusura di prima frazione) e con l’uomo in più ad inizio ripresa, non può commettere l’ingenuità di non chiudere la partita. I biancoviola avrebbero meritato un preziosissimo successo, che li avrebbe proiettati a quota 6 punti, con due successi in tre giorni che avrebbero aumentato di molto la spinta motivazionale di questa squadra. L’organico a disposizione di un bravissimo e preparatissimo tecnico come Alessandro Radi resta di buon livello e sicuramente l’ex allenatore del G. Monteverde saprà come lavorare al meglio in sede di approccio alle gare (soprattutto psicologico, in casi come quello odierno). Siamo sicuri che prima del “rimescolamento delle squadre” previsto per il mercato invernale, questa squadra risalirà la china perchè ha giocatori di grande livello come Mancini, Petroccia, Ferazzoli, Panella e Ippoliti (oltre a giovani di grande spessore come Privitera, Englaro e Gambale capaci di dare qualità a questa squadra.

Monti Cimini…che confusione! La squadra viterbese è un insieme di tanti bei nomi importanti, ma allo stesso tempo non è definibile come squadra. Troppe giocate del singolo e mancanza di un gioco corale, con poche idee e molto arruffate e confuse, unito ad un peso specifico abbastanza leggero nel reparto offensivo fanno di una squadra costruita per fare bene un gruppo dalla mediocre graduatoria ed (a conti fatti, sebbene si sia solo alle prime cinque giornate di campionato) a +3 sulla retrocessione diretta. Ci sarà da lavorare molto per il duo tecnico Patrizi-Maestà per poter ottenere frutti da questo gruppo, ma l’impressione è che i bei propositi fatti in sede di presentazione siano rimasti sul palco di quella sera estiva a Vignanello….Urge un cambio di rotta, per non dover rischiare di accontentarsi di un campionato anonimo e rischioso, non in linea con gli ingenti investimenti fatti in sede di mercato estivo. E domenica si va al “Sale” di Ladispoli, contro una formazione che certamente non regalerà nulla ai ragazzi gialloneri.

11   CIAMPINO

10   E. MONTEROTONDO, TOR SAPIENZA, V. ARTENA, UNIPOMEZIA

9     ASTREA, CRECAS

7     LADISPOLI, CYNTHIA

6    M. CIMINI, V.DEL TEVERE

5     TOLFA, CIVITAVECCHIA

4    BOREALE, A. VESCOVIO

3     R. MONTEROTONDO S.

2     L. MARINO, M. GROTTE CELONI