Calcio: Juniores Elite, 17ma giornata gir. A 2017-2018, Acilia-Romulea 1-1

Calcio: Juniores Elite, 17ma giornata gir. A 2017-2018, Acilia-Romulea 1-1

13 Gennaio 2018 0 Di puntoacapo

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 277 volte!

Due punti incredibilmente gettati alle ortiche da parte dei giallorossi, che tuttavia mantengono il gradino più basso del podio

Di Giorgio Zanirato

ACILIA: Cruciani, Marchetti, Menon, De Propris (1’st Pizziconi), Barbera, Franceschi (27’st Mele), Camerini (41’st Rezk), Bareato, Barbato, D’Angelo (14’st Valeriani). A disp: Constantinide, Carbonari,  Abera. All. Riccardo Ridolfi

ROMULEA: Arsene, Piermattei, Galli (41’st Millefiorini), Luccitti (16’st De Chiara), Caggegi, Minelli, Pellegrino (9’st Menniti), Grimaldi (25’st Gioffré), Riolo (21’st Potenza), Sarmiento, Falanga. A disp: Di Rauso, Vitiello. All. Fabrizio Feroce  

ARBITRO: Iustulin di Ciampino

MARCATORI: 21’pt Sarmiento (R); 28’st aut. Minelli (R)

NOTE: Spettatori 150 circa. Ammoniti: Marchetti, Grimaldi, Menniti, Potenza. Angoli: 1-7. Recupero: 1’pt; 5’st

ACILIA (RM) – Pari e patta in terra lidense. Finisce infatti 1-1 il “testa-coda” fra i padroni di casa dell’Acilia e la Romulea; un punto che serve a mantenere inalterate le posizioni di entrambe le formazioni in classifica, ma che fa gioire sicuramente più i biancorossi degli ospiti. Giallorossi che recriminano per un’occasione ghiottissima sfuggita di mano e due punti pesantissimi persi e lasciati per strada. 

Partita abbastanza valida agonisticamente parlando, con i tirrenici che protestano subito ed in maniera palese, per un contatto in area fra Caggegi e Bareato. Analizzando le immagini, a dire il vero, le rimostranze di Ridolfi e i suoi sono più che giustificate, visto che il bravo centrale dei giallorossi (che poco prima perde un pallone velenosissimo al limite dell’area, ndr) trattiene vistosamente la casacca blu dell’avversario. L’arbitro ciampinese nella circostanza chiude un’occhio (e mezzo) e lascia proseguire. Giudicate voi. Decisamente meno eclatante, ma comunque artefice di ulteriori richieste di calcio di rigore, il fallo di mano di Minelli al 20′, per il quale Ridolfi ha ricevuto il richiamo verbale dall’arbitro Iustulin. La prima risposta concreta della Romulea protagonista di un inizio di match decisamente soporifero, arriva soltanto al 21′, ma è di quelli che fanno male: lancio lungo a premiare la corsa di Pellegrino sull’out di destra; l’esterno serve poi Grimaldi che calcia in porta trovando la risposta di Cruciani. Sulla respinta corta del portiere, Sarmiento mostra tutto il suo istinto del goal, realizzando la rete del vantaggio per i romani. Un minuto più tardi, sempre sull’asse Grimaldi-Sarmiento, la Romulea sfiora il raddoppio; questa volta però il diagonale del capitano dei giallorossi finisce incredibilmente a fondo campo (22′). Ospiti ancora insidiosi tre minuti più tardi: Pellegrino prova il tiro dal limite; Cruciani si salva parando in due tempi, anticipando l’arrivo di Riolo pronto a ribadire in rete (25′). Nel finale di gara, la Romulea prova ancora una volta a legittimare il vantaggio: Sarmiento da fuori calcia molto bene con il destro, ma Cruciani riesce a respingere in un primo momento e poi a bloccare a terra la sfera, arrivando un istante prima dello stesso capitano giallorosso (44′). 

In avvio di ripresa, la squadra di Feroce prova a chiudere i conti prima con un calcio piazzato di Pellegrino (terminato ben oltre il montante trasversale della porta difesa da Cruciani) e poi con l’occasionissima che fa il paio con quella di Sarmiento arrivata appena dopo il goal del vantaggio: cross al centro di  Galli dalla sinistra; Pellegrino cerca la deviazione “acrobatica” ma il pallone si ferma sulla traversa. Sulla respinta del legno, Riolo colpisce il palo a porta praticamente vuota, graziando Cruciani. Ci pensa poi Franceschi a spazzare via la minaccia (2′). Al 20′ è Menniti (decisamente opaca, incolore e negativa la sua prova) a cercare la porta nell’unica conclusione della sua partita: assist di Falanga e destro deviato in corner dal portiere dei padroni di casa. Tre giri di lancette più tardi, ci prova anche Falanga; il diagonale del calciatore convocato in Rappresentativa è però decisamente strozzato e il pallone finisce largamente a fondo campo (23′). L’Acilia sembra messa alle corde, ma una Romulea sciupona subìsce la rete del clamoroso pareggio al 28′: il neo entrato Valeriani calcia di destro superando Arsene; il pallone sbatte sul palo e carambola in rete dopo aver rimbalzato sui piedi di Minelli, che invano cerca di evitare la realizzazione. Ristabilita la parità, loe due squadre provano a vincere la partita ma (come dicono quelli bravi) il risultato non cambierà più: è dunque 1-1 il finale ad Acilia. Un pari che lascia molti rimpianti e anche qualche interrogativo in casa Romulea (soprattutto legato all’approccio alla gara dei minuti iniziali e alle tante occasioni mancate sottoporta per scarsa lucidità); d’altra parte, è immensa la gioia in casa Acilia per un risultato positivo che, se da un lato lascia i biancorossi in ultima posizione a -7 dagli eventuali playout, dall’altro dà sicuramente morale per provare a scalare l’enorme montagna che porta alla salvezza: il cambio di allenatore al momento non ha ancora cambiato marcia a questo gruppo, ma mancando ancora tredici giornate alla fine del campionato, si può provare almeno moralmente a modificare una situazione che dall’inizio della stagione non ha certamente visto brillare i colori lidensi. 

Prossimo turno: Romulea-Tor Di Quinto; Settebagni-Acilia

 

 

42  TOR DI QUINTO

38  PRO ROMA

34  ROMULEA*

31   URBETEVERE

28   SAVIO

27  CIVITAVECCHIA

24  C. EUR

21   SETTEBAGNI

20   VESCOVIO, ALMAS

17    TORRENOVA*

15    LADISPOLI, MONTEFIASCONE

13    V. AURELIA

6     ACILIA

 

*UNA GARA IN MENO

 

LEGGENDA

QUALIFICATA DIRETTAMENTE ALLE SEMIFINALI PER IL TITOLO REGIONALE

AI PLAYOFF FRA GIRONI PER IL TITOLO REGIONALE

AI PLAYOUT (DA GIOCARSI PENULTIMA VS QUINT’ULTIMA E TERZ’ULTIMA VS QUART’ULTIMA, CON GARE DI SOLA ANDATA (SECCHE) ED IN CASA DELLA MIGLIOR CLASSIFICATA, MA SOLO IN CASO DI DISTACCO PARI O INFERIORE AGLI 8 PTI)

RETROCESSA DIRETTAMENTE NEI REGIONALI B