Casilina calcio (Allievi prov.), Bernardi fa il bis: «Questi ragazzi mi hanno regalato immense gioie»

Casilina calcio (Allievi prov.), Bernardi fa il bis: «Questi ragazzi mi hanno regalato immense gioie»

8 Maggio 2017 0 Di Ufficio Stampa Sport Plus

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 407 volte!

Roma – E’ il “Re Mida” del Casilina, quello che tocca lo trasforma in oro. Antonio Bernardi, dopo aver regalato nella scorsa stagione il titolo Allievi regionali B al club del presidentissimo Umberto Coratti, fa il bis assieme al suo splendido gruppo di ragazzi e trionfa anche tra gli Allievi provinciali. La certezza è arrivata ieri grazie al successo del Casilina sul campo del Ponte Mammolo e al contemporaneo passo falso dell’Atletico Zagarolo secondo della classe. «Siamo entrati in campo con grande determinazione – dice Bernardi in riferimento alla gara di Ponte Mammolo – Già all’intervallo eravamo avanti 2-0, poi abbiamo chiuso i conti nella ripresa. Era stata una settimana molto particolare per tutti noi visto che il nostro portiere Daniele Vorzillo aveva perso il papà Gennaro, tra l’altro sostenitore appassionato e presente del figlio e di questa squadra. Ci tenevamo molto a vincere anche per lui». I gol del Casilina hanno portato le firme di Comodi, Di Giacomo e Occhianu: un trionfo che ha fatto emozionare anche uno come Bernardi che da atleta ne ha vissuti tanti di brividi forti. «L’ho già detto e lo ripeto: vincere è bello a tutti i livelli. Ero consapevole di avere un gruppo forte, tra l’altro puntellato con tre-quattro innesti giusti rispetto allo scorso anno. Ma vincere non era affatto semplice eppure questi ragazzi hanno saputo regalarmi immense soddisfazioni». Tanto che ora, secondo Bernardi, è arrivato il momento di salutarsi. «Credo che per il bene di questi ragazzi sia importante cambiare: è giusto che ognuno continui a fare il proprio percorso». Dunque Bernardi con ogni probabilità non allenerà la Juniores del Casilina e nemmeno la prima squadra, da quanto sostiene in maniera risoluta. «La mia idea è quella di continuare nel settore giovanile – spiega l’allenatore – Ora ci godiamo questa impresa e poi ci vedremo con la società per parlare del futuro: sono molto affezionato a questo club, ma vedremo quali saranno i programmi per la prossima stagione».