Varie: Folla incredibile e tanta commozione hanno accompagnato l’ultimo saluto a Leonardo Ricci

Varie: Folla incredibile e tanta commozione hanno accompagnato l’ultimo saluto a Leonardo Ricci

18 Luglio 2018 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 36

Questo articolo è già stato letto 741 volte!

Emozioni indescrivibili questo pomeriggio a Cerveteri

Di Giorgio Zanirato

 

CERVETERI – Ho atteso un pò prima di tornare a “battere i polpastrelli” sulla tastiera del pc. Avevo scelto di non farlo più e di non seguire più le partite di calcio regionale. Ma per una volta ho deciso di fare un’eccezione, anche se purtroppo in questo caso l’ambito sportivo entra solo marginalmente in una pagina bianca di questo portale. In poco più di undici anni di carriera da “giornalaio”, ho dovuto tristemente assistere a tante, troppe famiglie straziate dal dolore per la perdita di un figlio: Bini, Fersini, Stella, Bruni, Ielasi, Balistreri e Ricci; questi sono solo alcuni dei cognomi di ragazzi poco più che maggiorenni seguiti durante il mio percorso “sportivo” sulle tribune (tranne nel caso di Alessandro Bini, ndr), ai quali è stato straziante dover dire addio decisamente troppo presto. Certo, ora qualcuno potrebbe dire “ma non sarà che sei te a portare sfiga?”..Beh a questa probabile insinuazione rispondo che la gente può pensare ciò che vuole. Credetemi se potete: da otto anni e mezzo, la vita di chi scribacchia queste poche righe non è più la stessa: aver perso un amico ti segna profondamente per tutta la vita, anche se sai che il suo ricordo resterà con te nel cuore per sempre. Un incidente stradale con vittima un ragazzo giovane e pieno di belle speranze come un diciottenne o poco più, non dovrebbe mai accadere. Con questa dinamica negli ultimi anni ho personalmente dovuto salutare per sempre anche un altro ragazzo seguito ai tempi delle partite giovanili alla T. T. Teste e poi ritrovato di recente ad Ostia. Il resto è storia recente, anzi recentissima: due anni fa, a Campagnano era di scena la formazione U19 (Juniores) dell’Astrea, compagine sportiva della Penitenziaria. Fra quei ragazzi che affrontavano un campionato al quale tale selezione era iscritta, in un girone sostanzialmente “regionale” e alquanto discutibile per formulazione, vi era un certo Leonardo Ricci, calciatore ’98 dai trascorsi giovanili nel Cerveteri prima del grande salto nella squadra romana all’epoca militante in serie D. Escluse le trasferte decisamente lunghe come ad esempio Isola Liri, è capitato di seguire la squadra durante quel torneo e di ammirare le qualita’ tecniche ed umane di questo giovane. 

Il destino ha però purtroppo riservato un finale crudele per quanto riguarda la partita della vita di questo ragazzo, a cui probabilmente è costato caro una distrazione alla guida o un colpo di sonno. Non è possibile morire a 20 anni, ma non è mai realizzabile una cosa simile per qualsiasi giovane. Purtroppo adesso un’altra famiglia è straziata dal dolore