Vela: Talamone, grande spettacolo nel golfo per la IX Edizione del Trofeo “Reali Presidi di Spagna”

Vela: Talamone, grande spettacolo nel golfo per la IX Edizione del Trofeo “Reali Presidi di Spagna”

25 Maggio 2017 0 Di puntoacapo

Hits: 0

Questo articolo è già stato letto 384 volte!

CVT – Circolo della Vela Talamone – Si è disputata nelle giornate di sabato e domenica 20 e 21 maggio, nelle acque del Golfo di Talamone, la IX edizione del Trofeo “Reali Presidi di Spagna”, organizzata dal CVT – Circolo della Vela Talamone – in collaborazione con il Circolo Vela Libera Talamone  e con il Patrocinio del Comune di Orbetello.

Venti da Nord per le due giornate di regata, con un maestrale intorno ai 10 nodi per la prova di sabato – regata costiere di 15 miglia tra Talamone e Santo Stefano – e con condizioni che si sono mostrate più impegnative nella giornata di domenica – regata sulle boe, due giri da 10 miglia ciascuno – dove sotto raffica il grecale ha soffiato anche oltre i 25 nodi, suggerendo agli organizzatori di limitare il percorso alle prime 10 miglia per le imbarcazioni nella categoria “diporto”.

Undici le imbarcazioni in acqua, con oltre 50 velisti in campo, “con una interessante presenza di giovani e giovanissimi”, così come sottolineato dal Presidente del CVT, Ammiraglio Sergio Biraghi, nel corso della cerimonia di premiazione.

Nella categoria IRC, battaglia serrata in casa CVT tra ITA 17052 – Velvet di Alberto Papi e ITA15730 – Billie’s Bounce di Enzo Donadio, con quest’ultimo che nei tempi compensati ha avuto la meglio. Terzo posto per ITA 17180 – Heaven di Mauro Savona.

Interessanti anche le prove per le imbarcazioni da diporto, dove FARAbutto 2 di Carlo Farabelli – Direttore Sportivo del Circolo Vela Libera Talamone – ha indiscutibilmente conquistato il podio più alto lasciando solo il secondo posto ad un agguerrito Don’t Worry armato da Bonfanti. Terzo posto per il CVT con Corsara armata dal Alessandro Corsi; da segnalare anche la bella prova di Peter Pan che con al timone la giovanissima atleta del CVT Arianna Buzzetti ha ottenuto un importante quarto posto in classifica generale e un terzo posto assoluto nella impegnativa prova di domenica.

La manifestazione si è svolta in totale sicurezza, grazie all’ottima organizzazione, all’operato del Comitato di Regata – presieduto da Giovanni Capitani – ed alla collaborazione della Capitaneria di Porto e della Squadra nautica della Polizia di Stato che ha sempre vigilato sullo svolgimento in acqua della manifestazione.

Maggiori dettagli, info e foto su:

www.cvtalamone.it

www.facebook.com/CircoloVelaTalamone

Un po’ di Storia

Dopo un lungo periodo di conflitti che coinvolsero il regno di Francia, il regno di Spagna e il ducato di Firenze, nell’aprile 1555 cadeva la Repubblica di Siena. Il 3 luglio 1557 Cosimo I° dei Medici, duca di Firenze, e Filippo II°, re di Spagna, sottoscrivevano il trattato di Firenze, con il quale Firenze acquisiva i territori della Repubblica di Siena, lasciando alla Spagna Orbetello, Talamone, Porto Santo Stefano, Porto Ercole e l’Argentario.

Nasceva così lo “Stato dei Reali Presidi di Spagna in Toscana”, che consisteva in un sistema di fortificazioni e porti atti ad accogliere le navi ed i soldati necessari a garantire alla Spagna il controllo del mare Tirreno.

Lo Stato dei Presidi fu in grado di resistere alle incursioni dei corsari ottomani, tra le quali ancora vive il ricordo di quelle compiute a Porto Ercole e Talamone nel 1544 da Khair al Din, detto il Barbarossa, ammiraglio del sultano Solimano II°. Nel 1602, lo Stato dei Presidi si estese alla roccaforte di Porto Longone, oggi Porto Azzurro, nell’isola d’Elba.

.Nel 1646, durante la guerra dei trent’anni, le truppe francesi del Cardinale Mazarino assalirono i Presidi con più di 10.000 uomini, ma Orbetello oppose una resistenza eroica ed i francesi, dopo due mesi di assedio, sfiniti dalla malaria, furono costretti a ritirarsi.

Nel 1714 con il trattato di Rastodt lo Stato dei Presidi passò sotto il dominio degli austriaci, che successivamente (1738) lo cedettero a Carlo III di Borbone, Re di Napoli. Per finire, nel 1801, lo Stato dei Presidi fu annesso al neonato Regno di Etruria costituito da Napoleone e fu quindi ricongiunto al resto della Toscana.

Lo Stato dei Presidi rimase perciò in vita per circa due secoli e mezzo;il 3 luglio 2007 ricorre il 450° anniversario dalla sua fondazione. La ricorrenza sarà celebrata con un intenso programma di iniziative istituzionali, tra le quali si inserisce il Trofeo dei Reali Presidi di Spagna.

CVT