Vis Artena, Matrigiani: «La partita di Avellino? Evidentemente un po’ di strada l’abbiamo fatta…»

Vis Artena, Matrigiani: «La partita di Avellino? Evidentemente un po’ di strada l’abbiamo fatta…»

20 Novembre 2018 0 Di Ufficio Stampa Sport Plus

Hits: 2

Questo articolo è già stato letto 140 volte!

Artena (Rm) – La prestigiosa sfida del “Partenio” non ha premiato (almeno a livello di risultato) la Vis Artena. Ma questo match rimarrà a lungo nella mente degli sportivi artenesi anche se il punteggio finale ha visto i “lupi” irpini imporsi 3-1 nonostante l’iniziale vantaggio rossoverde provocato da Costantini. Il presidente Roberto Matrigiani racconta le emozioni del match di domenica.
«Vedere giocare la Vis Artena in uno stadio come quello rappresenta una grande soddisfazione. E’ il frutto del lavoro di tanti anni portato avanti assieme a Sergio Di Cori: evidentemente qualcosa di calcio la capisco, a differenza di quello che pensa qualcuno. Il risultato ci lascia diversi rimpianti, ma soprattutto per una gestione arbitrale che è stata penalizzante. Ci è stato negato il regolarissimo gol del 2-2 firmato dallo stesso Costantini, ci poteva essere un rigore su Pagliaroli e anche la rete del 3-1 dell’Avellino è viziata da una posizione di fuorigioco. Ma sono comunque soddisfatto dell’idea di calcio che anche stavolta ha espresso la Vis Artena al cospetto di un avversario che annovera giocatori di altissimo spessore. Il numero complessivo dei gol subiti può anche sembrare elevato, ma è sintomo di una squadra che pensa sempre a fare la partita e non solo a “distruggere” il gioco degli avversari. Dispiace per gli ultimi risultati che non sono stati positivi e che magari hanno risentito pure di qualche defezione: forse da una parte i 19 punti ci hanno fatto perdere di vista la nostra realtà, ma dall’altra non posso che applaudire quello che sta facendo questo gruppo con la speranza di tornare a muovere presto la classifica in maniera incisiva. L’ambiente deve rimanere sereno perché abbiamo fatto importanti passi in avanti rispetto all’obiettivo di inizio stagione che è e rimane quello della salvezza. Domenica ce la vedremo con l’Sff Atletico e probabilmente giocare contro le “big” del campionato per noi è meglio visto che la squadra si esprime meglio contro chi prova a giocarsi la partita. In conclusione vorrei fare anche pubblicamente un ringraziamento al medico sociale dell’Avellino, dottor Gennaro Esposito, che prima della nostra partenza dallo stadio si è adoperato per risolvere un problema capitato al nostro Sabelli».