Calcio: Aprilia, parola di Risoldi

Calcio: Aprilia, parola di Risoldi

18 Dicembre 2020 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 58

Questo articolo è già stato letto 145 volte!

Per ora ci si può solamente allenare ma il tempo di tornare ufficialmente in campo per i campionati sembra avvicinarsi ed abbiamo sentito umori e sensazioni di mister Alessandro Risoldi, tecnico dell’U16 Elite dell’Aprilia.

Buonasera mister, come si sta organizzando l’Aprilia a livello di settore giovanile? State proseguendo le sedute? Come va con la squadra?

“Per quanto riguarda l’organizzazione del nostro settore giovanile nostro tutte le categorie si stanno allenando a pieno organico. Invece per quanto riguarda la mia va benissimo, tutti ragazzi sono sempre presenti. È difficile, però sappiamo che il momento è questo. Si lavora, i ragazzi vengono, la società mette a disposizione preparatori e secondi quindi a livello organizzativo siamo preparati ed organizziamo bene le sedute. È cambiato qualcosina per quanto riguarda la parte atletica dato che la domenica non si gioca, però si va avanti. Lavoriamo ancora meglio noi mister, abbiamo la possibilità di lavorare a stazioni, tenendo a distanza i ragazzi e usando i protocolli messi in atto”.

Quale è il tuo pensiero in merito alla sospensione del calcio regionale? Saresti andato avanti o secondo te bisogna cambiare i protocolli? Se si, cosa proponi?

“È un momento difficile. Capire quello che è giusto e quello che è sbagliato non è semplice. Ho pochi pensieri, forse il calcio è riniziato seguendo un protocollo e quindi magari si poteva giocare, forse l’errore, dico io, è scolastico e nei mezzi. Forse lì dovevamo essere più preparati però è difficile parlare. Pure quest’estate sono stati fatti errori. Speriamo che questa situazione passi in fretta per tornare tutti alla nostra vita quotidiana”.

Quale è l’umore dei ragazzi in queste settimane? Come si gestisce un gruppo in un momento di tale difficoltà? 

“I ragazzi vengono, si impegnano e sono sempre presenti. Sappiamo che fanno video lezioni a casa, ognuno ha impegni pomeridiani, però tutto sommato sono contento perché vengono con voglia di lavorare e non ‘tanto per’. Anzi stiamo lavorando al 110%, perché lavori a stazioni, tenendo distanze, facendo vedere ai ragazzi i movimenti, dove migliorare, e tutte queste cose che magari durante la settimana prima avevi meno tempo di fare perché avevi tre allenamenti e dovevi preparare la partita, invece adesso hai più tempo per programmarti e fare un programma più specifico per ripartire al meglio quando sarà. Comunque io devo fare i complimenti al mio gruppo perché è sempre presente. Stiamo lì tre volte a settimana, anche quattro ogni tanto, e loro rispondono benissimo. Stanno lì, si impegnano, ascoltano. Poi ecco trovare i momenti di divertimento è importante anche per loro in questo periodo, e cerchiamo di lavorare sempre per migliorare i ragazzi mettendoci tutto dentro”.

Quale è il tuo auspicio per il prossimo futuro?

“Il mio auspicio è che quando, speriamo presto, si ricomincerà, di farci trovare pronti perché noi quest’anno siamo partiti sapendo che possiamo arrivare a un obiettivo. Lavoriamo per quello, lavoriamo partita dopo partita, perché questo è il terzo anno che ho questi ragazzi e vorrei arrivare all’obiettivo che è sempre stato difficile, però ci vogliamo arrivare. Non dico voliamo peró l’obiettivo nostro è fare un bel campionato, vogliamo divertirci e vogliamo arrivare più in alto possibile”.

Ufficio stampa Aprilia calcio