Basket: Nardò-Palestrina 73-79

Basket: Nardò-Palestrina 73-79

2 Dicembre 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 63

Questo articolo è già stato letto 106 volte!

EDIL FRATA NARDO’: Fiusco, Tyrtyshnyk ne, Burini 10, Peroni 5, Azzaro 15, Coviello 13, Visentin 7, Bjelic 8, Cappelluti ne, Baccassino ne, Zampolli 15, Di Giacomo ne. All. Quarta


CITYSIGHTSEEING PALESTRINA: Egwoh 2, Rischia 8, G.Rossi 13, Barsanti 6, Mennella 6, Mastroianni 10, Moretti ne, Agbogan , Bartolozzi 24, Cacace 10, Cecconi ne. All. Ponticiello


Pala Andrea Pasca gremito per l’assalto alla capolista priva di Thiam. Nardò prova subito a spingere proprio sotto canestro, ma Palestrina parte bene anche a rimbalzo e con Rossi vola 2-7. Il cambio con Bjelic va subito in soccorso dei locali, Palestrina respinge l’assalto con due penetrazioni di Rossi e Mastroianni che scrivono il 7-12. Un minuto basta a riportare i pugliesi sul -1 e complice una palla persa anche Ponticiello vuole parlarci su. Primo vantaggio interno al minuto 6, momenti di grossa confusione e poi la bilancia torna a pendere per Palestrina con la bomba di Bartolozzi. Tutti di Zampolli i punti che fanno volare Nardò, con Palestrina che deve limitare con la zona al momento del riposo concesso a Bartolozzi. Le cose volgono al peggio ma con la tripla finale di Mennella viene messa una buona pezza: 25-20. Ponticiello cambia spesso il quintetto, dosando come al solito energie, Nardò corre molto e si prova a limitarla. Barsanti al terzo tentativo insacca la tripla, Bartolozzi poi finge il consegnato e va ad appoggiare al vetro subendo pure fallo: 29-28. Quando è Palestrina a riuscire a correre i risultati sono evidenti, Rossi e Mennella si esaltano dall’arco e il time-out di Quarta arriva sul punteggio di 31-34. Il massimo vantaggio esterno è opera di Cacace (da tre) e Mastroianni (in tap-in), la bomba immediata di Burini a coronamento di una buona circolazione arresta la fuga: 36-39. Gara senza soluzione di continuità, i bianco granata rispondono con sei punti che rianimano il palasport ma a sua volta Palestrina nel minuto finale fa 1/2 con Bartolozzi e la impatta con Rischia in attacco al ferro.


Nella ripresa il primo canestro è dei pugliesi, ma Bartolozzi e Rossi (antisportivo per sgomitata su di lui) fanno 44-48. Pochi punti a referto, a metà frazione Cacace lasciato solo segna piedi a terra il 46-51. Questo lo schema su cui puntano gli arancio verdi, Rischia penetra e scarica in angolo per Bartolozzi che con la sua seconda tripla impone la sospensione tecnica. Il lungo è finora autore di una prova da 20 punti (48-56), Nardò spreca tantissimo in lunetta e Barsanti la punisce con una tripla pazzesca in transizione (50-59). Allungo meritato per Palestrina, paziente in attacco e granitica in difesa, che senza la bomba concessa allo scadere a Burini sarebbe potuto essere più consistente. 


Resiste Palestrina, Bartolozzi calamita tutti gli scarichi ma dopo un canestro si fa male e praticamente Ponticiello deve gettare nella mischia Egwoh. Quest’ultimo ha un impatto positivo e con Rossi che ritrova la via del canestro dai 6.75 viene ritoccato il +10 in favore degli ospiti. Nardò si aggrappa a un catino bollente, in questo contesto Rischia non si tira indietro e ancora da tre gli arancio verdi provano di nuovo a scappare: 63-73. Poco meno di cinque minuti da giocare, i locali affrettano le soluzioni e devono sperare in percentuali migliori dall’arco. Con Palestrina a secco bastano due triple per riaprire i giochi, Burini e Peroni sono le armi di Quarta con Zampolli che nel frattempo ha dato forfait. Fase saliente, doppia chance per costruire il tiro del possibile -1 che non arriva. Giocata da campione di Rischia che incurante del muro di fronte a lui trova lo spazio per segnare e siglare il libero aggiuntivo (69-76). Assalto della disperazione che a 40 secondi dalla fine frutta a Nardò solo il -6, Ponticiello per gestire al meglio sfrutta un altro time-out. Coviello invece usufruisce di tre tiri liberi che tengono accesa la fiammella, Mastroianni non ci sta e la chiude 73-79. Decima in fila per la capolista.

Fabio Ilardi
Area Comunicazione 
S.S.D. Pallacanestro Palestrina arl