Calcio: Juniores, Flaminia-Trastevere 0-2

Calcio: Juniores, Flaminia-Trastevere 0-2

27 Aprile 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 84

Questo articolo è già stato letto 203 volte!

Blitz esterno dei romani a Civita Castellana; vittoria britannica e qualificazione al turno successivo

Di Giorgio Zanirato

FLAMINIA: Nilo, Zaccagnini (28’st Ciambotti), Lucentini (14’st Carpenti), Lama, Staffa, Buffolino, Mancini, Stentella, Mazzotti (1’st Mignone), Bravini (7’st Bonimelli), Leccese (36’st Calidori). A disp: Berretta, Cesetti, Puccica, Anzellini. All. Fabio Tocci

TRASTEVERE: Falconi, Carli (34’st Siclari), Veronesi, Cosi (26’st Di Giuseppe), Feroci, Pecci, Pietrobattista (45’st Prosperini), Chinappi, Romani (34’st Martinelli), Sannipoli, Falco (36’pt Avolio). A disp: Cataldo, Roselli, Palermo, Istrate. All. Mauro Mazza

ARBITRO: Garofalo di Torre del Greco

ASSISTENTI: Rinaldi di Pisa e Magherini di Prato

MARCATORI: 42’pt Pietrobattista; 2’st rig. Chinappi

NOTE: Spettatori 150 circa. Ammoniti: Pietrobattista, Chinappi, Mancini, Veronesi, Staffa, Lama, Stentella, Sannipoli, Mignone. Angoli: 3-4. Recupero: 2’pt; 4’st

CIVITA CASTELLANA (VT) – Il Trastevere sbanca il “Madami” nella gara playoff del girone H della Juniores Nazionale, grazie ad una rete per tempo, ed ora troverà l’Sff Atletico ad attenderlo nel match di sabato prossimo, valido quale finale del girone che consente l’accesso alla fase Nazionale dove si trova già l’Aprilia, in virtù del primato conclusivo nel girone di appartenenza delle laziali.

La prima occasione è amaranto: cross al centro dalla corsia mancina da parte di Falco, Sannipoli calcia di prima intenzione con il destro; Nilo è superato, ma a salvare tutto sulla linea di porta ci pensa Mazzotti. Si resta così sul punteggio di partenza, ma gli ospiti insistono e sei giri di lancette più tardi vanno nuovamente vicinissimi al vantaggio, questa volta con la conclusione dal limite di Chinappi: palla che scheggia la parte alta della traversa ed esce a fondo campo (16′). Il tecnico dei trasteverini, Mauro Mazza, è costretto ad operare il primo cambio già al 36′ della prima frazione di gioco: fuori Falco, dentro al suo posto Avolio. Proprio in chiusura di frazione il Trastevere mette la freccia ed opera il sorpasso: proteste civitoniche per la posizione di partenza di Pietrobattista, sull’assist di Romani; l’attaccante arriva a tu per tu con Nilo in uscita e lo supera con un pregevole piatto sinistro che finisce in rete, per il vantaggio degli amaranto trasteverini di Monteverde. Si va così al riposo sul risultato di 1-0 in favore della formazione di Mazza.

Al rientro dagli spogliatoi, la squadra di Tocci fa harakiri: ingenuità importante di Lama, che atterra in area Sannipoli e per l’arbitro campano non ci sono dubbi: è calcio di rigore per il Trastevere. Dal dischetto, Nilo intuisce la conclusione di Chinappi, tocca ma non riesce a respingere il pallone che finisce così in rete per il 2-0 della formazione ospite. La girandola di cambi non influisce sul risultato finale: al triplice fischio finale è festa grande per il Trastevere, che ora dovrà concentrarsi sulla sfida contro la formazione di Geminiani, provando a conquistare sul campo quella fase nazionale che negli ultimi anni ha sempre visto protagonista il club amaranto. Da segnalare, infine, le chiamate “alla pugna” per tre giovanissimi elementi della “cantera amaranto”, più precisamente della formazione Allievi: trattasi di Gabriele Cataldo (classe 2003), Denis Istrate (calciatore nato nel 2002) e Federico Prosperini, talentuoso esterno offensivo ex Lazio e Viterbese, che merita davvero una nuova chance nel mondo del professionismo. Complimenti ragazzi!!

Ma sono tanti anche gli applausi per una Flaminia che ha sicuramente fatto vedere del buon calcio nell’arco della stagione, aiutata certamente dalla classe e dalle qualità tecniche di un giocatore come Sirbu, che può far comodo certamente alle società di Serie D, ma anche (perché no) a qualche compagine del “piano di sopra”. I rossoblù hanno conquistato meritatamente i playoff e con un “top player” in panchina come Fabio Tocci, possono crescere ancora e far bene anche nella prossima stagione.