Boxe: Latina, Turrin ringrazia i protagonisti

Boxe: Latina, Turrin ringrazia i protagonisti

25 Giugno 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 84

Questo articolo è già stato letto 147 volte!

Turrin: “Orgoglioso della Boxe Latina. Il nostro è un arrivederci..”

Podi, medaglie e trofei. E applausi a scena aperta per i piccoli protagonisti della Coppa Italia Giovanile, lasciando lo scorso week end a Latina la sensazione che nel capoluogo ne potrebbero arrivare a breve altri di eventi di carattere nazionale della Federazione Pugilistica Italiana.

Una tre giorni di grande festa per il Settore Giovanile della FPI, per le famiglie e i piccoli atleti che dal Trentino alla Sicilia hanno raggiunto il capoluogo pontino per l’evento, la cui organizzazione è stata assegnata a fine maggio alla Asd Boxe Latina 1956, con il Patrocinio di Comune di Latina e Provincia di Latina, Coni e l’egida di Opes e Osservatorio per lo Sport e il Turismo Sportivo.

Società che ha fatto il pieno di complimenti, vincendo la sfida raccolta di una competizione di così ampio respiro.

La Coppa Italia Giovanile è un insieme di dimostrazioni cui vengono chiamati i piccoli pugili, per valutarne in base all’età (dai 5 ai 13 anni), velocità, coordinazione e tecnica sul ring. Da regolamento è previsto il pugilato di touche, che non prevede il contatto pieno.

SFILATA E GARE

Un colpo d’occhio notevole il giorno della cerimonia di apertura, che ha monopolizzato Piazzale dei Navigatori sul lungomare di Latina in occasione della rassegna Sport Estate curata dall’Opes. Sulle note della banda musicale Amilcare Ponchielli e accompagnate dalle majorettes Blue Twirling, a Foce Verde hanno sfilato presenti 16 delegazioni in rappresentanza di 19 regioni (Umbria assente), a loro volta rappresentate da 46 società. Ogni delegazione composta da sette pugili (un Cucciolo e tre coppie di Cangurini, Canguri e Allievi), per un totale di 112 pugili, di cui 15 bambine. Alla presenza di autorità federali e istituzionali, è stata Aurora Turrin della Boxe Latina a leggere la formula del giuramento dell’atleta, mentre il presidente della Provincia Carlo Medici ha proclamato ufficialmente aperti i giochi, che si sono svolti nella tensostruttura del Park Hotel.

Due giorni di gare. Per i Cuccioli (5-7 anni) salti alla funicella (10 secondi), prove a cronometro con il percorso ad H e prove tecnico-tattiche al sacco oscillante (due riprese di 10 secondi intervallate da un recupero di 20 secondi). Per i cangurini (8-9 anni) salti alla funicella (15 secondi) con almeno un incrocio e un salto doppio, percorso ortogonale e 2 riprese sul ring a coppia da 30’’ con 1’ di riposo.

Due prove per i Canguri (10-11 anni). Corsa piana di 25 mt e sparring condizionato di 2 riprese da 1’ con recupero di 1’ tra una ripresa e l’altra.

Due prove anche per Allievi (12-13 anni). Corsa piana di 25 mt e prova sul ring con tre round da 1’ minuto (1’ di intervallo), ognuno con un tema tecnico di cui uno scelto, uno estratto a sorte ed uno proposto dalla commissione ed uguale per tutte le terze riprese. 
Per la Boxe Latina hanno preso parte alla delegazione Lazio Aurora Turrin (Cangurini), e per i Canguri la coppia Massimiliano Aramini e Mattia Turrin.

I VERDETTI

Ogni prova è valsa un punteggio attribuito dalla commissione fino alla definizione delle classifiche, che hanno stabilito il podio per le singole categorie che per le regioni. Presente alla cerimonia di premiazione anche il tecnico azzurro Michele Caldarella. Come regioni la Campania è arrivata prima, precedendo Puglia-Basilicata e Sicilia.

Di seguito il dettaglio delle classifiche individuali.

Cuccioli

1. Andrea Sgueo (Toscana)

2. Christian Di Corcia (Puglia-Basilicata)

3. Emmanuele Savarese (Campania)

Cangurini

1. Vincenzo Viola-Tommaso Sannio (Campania)

2. Francesco Colelli-Lorenzo Cardone (Puglia-Basilicata)

3. Manuel Rossitto-Rebecca Rossitto (Sicilia)

Canguri

1.Tiberio Nocadello-Giuseppe Pisu (Campania)

2. Vincenzo Cafarelli-Giulia Michela De Carolis (Liguria)

3. Rocco Edoardo Scalone-Alessandro Lanza (Sicilia)

Allievi

1. Sasha Mencaroni-Riccardo Matteucci (Toscana)

2. Francesco Savarese-Antonio Mastrati (Campania)

3. Francesco Caldarella-Diego Azzaro (Sicilia)

Regioni

1. Campania

2. Puglia-Basilicata

3. Sicilia

COMMENTI

Il presidente della Boxe Latina, Mirco Turrin, visibilmente commosso durante l’ovazione ricevuta al momento della premiazione da parte della Federazione Pugilistica Italiana, ha affidato il commento finale alla pagina facebook della Boxe Latina.

Dopo 24 ore dalla fine di una magnifica manifestazione sportiva, la “Coppa Italia Giovanile 2019” della F.P.I., posso dire che sono orgoglioso di aver portato un evento Nazionale nella città di Latina. Sono stati 3 giorni emozionanti, la lista dei partecipanti e soprattutto dei ringraziamenti è lunghissima, ma mi sento in dovere di ringraziare in primis gli atleti, i ragazzi che ci hanno dato delle emozioni uniche, i genitori che hanno capito da subito il clima della manifestazione incoraggiando con tantissimi applausi tutti i partecipanti e tutti i tecnici, ringrazio la Federazione Pugilistica Italiana per aver scelto in tutta Italia la Boxe Latina in qualità di società organizzatrice, e tutto il loro staff organizzativo. Ringrazio il mio Comitato Regionale per aver creduto in noi visto il primato regionale conquistato. Ringrazio tutta la commissione per il lavoro certosino che ha svolto in tutta la manifestazione, tutte le autorità presenti dal CONI alla Federazione Pugilistica Italiana alla Provincia di Latina ed il Comune di Latina, agli amici dell’ Opes e l’Osservatorio  per lo Sport e il Turismo, e tutti gli amici che ci sostengono da sempre.

Ed infine il ringraziamento speciale va a tutta la Boxe Latina, a tutto lo staff presente che non si è mai tirato indietro ed è stato impeccabile su tutti i fronti rendendo tutto speciale. Spero di non aver dimenticato nessuno e soprattutto spero di essere stato all’altezza e di aver organizzato un evento di tale importanza con la speranza di aver strappato un pass per organizzare altre manifestazioni”.

GRAZIE DI CUORE a tutti e tanti APPLAUSI!”

Pasquale Cangianiello