Calcio: Allievi Elite, Ottavia-Ciampino 1-2

Calcio: Allievi Elite, Ottavia-Ciampino 1-2

27 Ottobre 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 148

Questo articolo è già stato letto 266 volte!

Di Giorgio Zanirato

OTTAVIA: Campisi, Piacente, Mari (24’st Catalli), Di Gioia (2’st Crisari), Baldini, Giammarioni (37’st Casalino), Orani (16’st Colaiacomo), Berardi (9’st Mesiti), Carella (4’st Deodati), Dos Santos Gomes, Grenga (45’st Marchetti). A disp: Venanzi, Balducci. All. Fabio Palmucci

CIAMPINO: Alessandrini, Coletta, Fratarcangeli (11’st Eleuteri), Mazzotta (19’st Marsicola), Caroccia (24’st Pelullo), Schioppa, Mocanu, Borelli (9’st Scorsonelli), Dini, Talone, Sabatini (6’st Avellini). A disp: Ragazzi, Rosatelli. All. Giulio Di Cori

ARBITRO: Raggi di Roma1

MARCATORI: 12’st aut. Piacente (C); 40’st Mocanu (C); 48’st Deodati (O)

NOTE: Spettatori 100 circa. Ammoniti: Dos Santos Gomes. Angoli: 2-10. Recupero: 0’pt; 7’st

ROMA – Il Ciampino di Di Cori esce vittorioso dalla trasferta sul campo dell’Ivo di Marco, contro l’Ottavia: finisce 2-1 per gli aeroportuali un match fortemente condizionato da una direzione di gara rivedibile, che certamente ha fatto infuriare e non poco il tecnico biancoblù e tutti i componenti della panchina romana. Quella castellana è una squadra indubbiamente molto importante, che può ambire a traguardi da sogno, come possono essere le finali per il titolo, ma alcuni episodi chiave hanno certamente indirizzato il match.

Si parte subito con un calcio di rigore non dato ai padroni di casa, per l’ostruzione di Borelli ai danni di Mari in area (2′). Il primo tempo si chiude sul punteggio di partenza, nonostante la partita resti godibile ed equilibrata. In avvio di ripresa, nuove proteste dei padroni di casa, per un secondo intervento ai limiti di Schioppa ai danni di Orani (8′). E’ invece al 12′ che il match subìsce un’accelerata, con il vantaggio ospite arrivato sugli sviluppi di calcio d’angolo, guadagnato dagli ospiti grazie ad una bell’esecuzione di un calcio piazzato da parte di Scorsonelli, deviato ottimamente da Campisi: Coletta gira di testa verso la porta, trovando la sfortunata deviazione di Piacente, che vale lo 0-1. Veementi ma giustificate le proteste all’indirizzo del giudice di gara da parte dell’Ottavia cinque giri di lancette più tardi, quando Caroccia atterra Carella lanciato a rete; l’arbitro assegna il calcio di punizione ai padroni di casa, graziando il difensore aeroportuale: in questo caso, occorrerebbe ripercorrere il regolamento, per capire come siano cambiate le regole in materia. I motivi per il cartellino rosso ai danni del difensore castellano sono almeno due: ultimo uomo e chiara occasione da rete, dal momento che l’attaccante biancoblù aveva campo aperto verso la porta di Alessandrini.

Un grave errore questo, che probabilmente chi sta istruendo il giovane fischietto dovrebbe far notare, perché ha inciso notevolmente sull’andamento del match: si era al 17′ sul punteggio di 0-1; con più di venti minuti ancora da disputare, ma con le due squadre in undici contro dieci, probabilmente la partita (già falsata) avrebbe assunto connotazioni differenti. Ad onor del vero, bisogna anche onestamente ammettere la svista precedente da parte del Sig. Raggi, che ha lasciato correre sulla spinta che ha dato il là all’azione incriminata, ovvero quella di Piacente ai danni di Mocanu nel cerchio di centrocampo. Due errori in una stessa azione sono decisamente troppi per un giovane arbitro che avrà assolutamente solo da imparare dai propri sbagli, giacché un essere umano. Tre minuti più tardi, “entra in gioco” Campisi, autore di alcuni prodigiosi interventi che hanno tenuto in partita i suoi compagni: si comincia dal tiro respinto in corner a Dini, con l’aiuto del palo. L’Ottavia si salva ancora una volta al 22′: prima è Baldini a respingere sulla linea una conclusione di Scorsonelli, servito da Avellini. Sulla ribattuta è bravissimo Campisi ad opporsi al nuovo tentativo del n°16 castellano.

Attimi di apprensione, dieci giri di lancette più tardi, per uno scontro fortuito in area fra Giammarioni e Coletta, con il capitano dei padroni di casa che è rimasto a terra, seppur sempre cosciente. Si riparte dopo cinque minuti di stop, utili alle cure del caso. Al 40′ arriva il goal che sembra chiudere la contesa: Carella serve un assist involontario, ma decisivo a Mocanu che taglia in due il campo e trafigge Campisi con un piatto destro dal limite. Il Ciampino va vicino alla terza segnatura al 44′ con la botta da fuori di Eleuteri, ma ancora una volta Campisi si oppone da campione, ripetendosi poi due minuti più tardi sul tentativo dalla distanza di Scorsonelli prima e infine di Talone (46′). La formazione di Palmucci non demorde ed all’ultimo assalto trova il goal che dimezza lo svantaggio, grazie al neo entrato Deodati (48′).

Non c’è tempo per provare a pareggiare: finisce così 2-1 per il Ciampino che vola nelle zone nobili della graduatoria, consapevole di poter dire la propria in ottica finali regionali; d’altro canto, l’Ottavia è costretta nuovamente a fermarsi dopo due successi di fila. Il campionato è lungo ed ancora ricco di sorprese, quindi non c’è da rammaricarsi, ma piuttosto ripartire dalla prossima sfida di domenica a Paliano, contro l’Anagni, diretta rivale alla corsa salvezza.