Calcio: Caos Rieti, 0-3 a tavolino e…Curci

Calcio: Caos Rieti, 0-3 a tavolino e…Curci

19 Novembre 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 57

Questo articolo è già stato letto 216 volte!

Di Giorgio Zanirato

Anno nuovo, storia vecchia. Lo scorso anno il calcio italiano ha vissuto una delle pagine più nere, con la vicenda della Pro Piacenza. Il nuovo assetto al comando della serie C (ma tutta la nuova Figc in generale) avevano promesso che non si sarebbero mai più verificati casi simili. Eppure…puntualmente eccoci alle prese con un’altra spinosa questione: quella del Rieti. La formazione amarantoceleste è davvero ad un passo dal baratro, avendo peraltro toccato domenica il fondo di un barile oramai vuoto, ma al contempo ricco di significato. Ma non sarà certamente l’ultimo caso; in estate la Viterbese ha rischiato di restare (regolarmente) in serie C, ma senza giocatori, staff tecnico e dirigenza. Il Bisceglie sta giocando con un Presidente dimissionario, un tecnico (Pochesci) mai ufficialmente esonerato, ed una squadra che recentemente è rimasta senza pasti e medicinali.

Ma torniamo a quanto accaduto allo Scopigno, nella giornata di domenica: come previsto, la partita si sarebbe dovuta giocare (a porte chiuse per la mancanza della società di steward) con la Berretti sabina ad onorare l’impegno, contro una capolista come la Reggina che in rosa vanta calciatori da serie A (Denis, Reginaldo, l’ex Parma Marco Rossi, ma anche la giovane promessa del Milan Mastour, ndr) e che nel 2018 ha vissuto un periodo simile a quello del Rieti, prima dell’acquisto da parte del patron della M&G, Luca Gallo (nato a Primavalle, ma di origini calabresi, ndr). A pochi istanti dal match, si è saputo che il tecnico che avrebbe dovuto seguire i ragazzi dalla panchina, Maschio, ha presentato certificati medici che ne davano la giustificazione della mancata presenza. Pezzotti, tecnico della Berretti, non è provvisto di patentino, avendo solo la licenza Uefa B. L’arbitro ha quindi atteso i 45′ come previsto, prima di assegnare lo 0-3 a tavolino agli ospiti. A questo punto, in caso di mancata partecipazione amaranto-celeste nella trasferta del Partenio con l’Avellino, il Rieti sarebbe escluso dal campionato ed il suo destino sarebbe segnato: dovrebbe ripartire dai Dilettanti e quindi da campionati regionali, con un’altra società ed un’altra matricola sportiva.

A salvare la barca alla deriva, tornando così al timone del “suo” Rieti, potrebbe essere Riccardo Curci. L’ex patron è in trattativa con la Italdiesel per il riacquisto delle quote societarie: l’ottico reatino potrebbe dunque tornare Presidente, come nel post-Fedeli, quando ricostruì tutto partendo dalla sola certezza del “Manlio Scopigno”, portando la squadra in pochissimo tempo a respirare di nuovo l’aria della Serie C. Probabilmente la tifoseria questo se l’è dimenticato troppo in fretta, inserendo anche l’ex Patron fra i responsabili della caduta agli inferi del calcio reatino.