Calcio: Eccellenza, 25ma giornata gir. A 2017-2018, Cynthia-Ladispoli 0-0

Calcio: Eccellenza, 25ma giornata gir. A 2017-2018, Cynthia-Ladispoli 0-0

25 Febbraio 2018 0 Di puntoacapo

Hits: 5

Questo articolo è già stato letto 623 volte!

Pareggio a reti bianche “sulla ruota” di Genzano; il campo ha penalizzato fortemente, ma i tirrenici ritrovano la vetta

Di Giorgio Zanirato

CYNTHIA: Orlandi, Dell’Aquila (13’st Masotina), Paloni, Massimiani, Scardola, Lisari, Mortaroli (38’st Nuovo), M. Fabiani, Castro (32’st Izzi), Morra (51’st C. Fabiani), Martena (45’st Mantineo). A disp: Scarsella, Schiavon. All. Aldobrando Franceschini

LADISPOLI: Travaglini, Salvato, Mastrodonato, Lupo, Tollardo (30’st Pagliuca), Leone, De Fato, Bertino (39’st Marvelli), Cardella (43’st Rocchi), A. Sganga (51’st La Rosa), M. Sganga. A disp: Agostini, Gallitano, Barone. All. Pietro Bosco

ARBITRO: Bertuzzi di Piacenza

ASSISTENTI: Martelluzzi di Frosinone e Spoletini di Rieti

NOTE: Spettatori 250 circa. Ammoniti: Lisari, Leone, Tollardo, Lupo, Cardella, Masotina. Angoli: 0-4. Recupero: 2’pt; 7’st

GENZANO (RM) – I giorni meteorologicamente più difficili per tutta la penisola-stivale (con la “tempesta” Burian in arrivo, ndr) coincidono con un match sicuramente interessante da calendario nella venticinquesima giornata del girone A (l’ottava di ritorno, ndr) di Eccellenza laziale: al “Comunale” di Genzano va in scena Cynthia-Ladispoli: ambedue le formazioni vengono da una mini striscia positiva, che ovviamente intendono proseguire per cercare di chiudere al meglio le rispettive stagioni; da un lato i castellani vogliono provare a reinserirsi nel gruppetto di squadre che possono ambire al secondo posto (malgrado la distanza in classifica sia notevole). D’altra parte, i tirrenici hanno intenzione di non mollare fino alla fine per quanto concerne la promozione in Interregionale. Padroni di casa privi del proprio ariete – bomber Di Mario, mentre il tecnico ospite Bosco vara una formazione “da battaglia”, su un campo ai limiti della decenza sportivo-umana, a causa delle piogge cadute in questi giorni. 

Bisogna però attendere fino al 25′ per assistere alla prima emozione della partita: De Fato prova la soluzione personale, seppur da posizione abbastanza centrale; Orlandi mette in corner. Il Ladispoli ci prova ancora due minuti più tardi, ma l’ex bomber di Ostia Mare, Montecelio e Castiglione (serie C2) viene provvidenzialmente anticipato al momento della battuta a rete; sugli sviluppi del calcio d’angolo susseguente, Bertino impegna Orlandi (’97 che oramai ha sfilato la maglia n°1 al più esperto Scarsella) in una non facile deviazione di pugno; palla che finisce in fallo laterale. La frazione si chiude quindi con un calcio piazzato battuto da Cardella, con palla che attraversa tutta l’area piccola e si spegne sul fondo. Oggettivamente non era semplice tentare il “colpo grosso” da quella posizione, ma l’attaccante scuola Perconti va comunque elogiato per averci provato (40′). Poche le emozioni anche nella ripresa: da segnalare un tentativo di Manuel Sganga, autore di una conclusione da calciatore vero, esperto; buoni i riflessi del giovane estremo difensore castellano, che concede solamente il calcio d’angolo. Nel finale c’è ancora spazio per un clamoroso goal mancato dal gioiellino ex Ostia Mare Morra, che non riesce a sorprendere Travaglini; peccato. In pieno recupero, infine, una rete annullata al neo entrato Rocchi, su assist di Marvelli: episodio che invocherebbe il Var. Ad un’attenta analisi in post produzione, infatti, non sembrerebbe esserci nessun tipo di ostruzione ai danni di Orlandi da parte dell’ex attaccante del Trastevere, che anzi anticipa molto bene l’intervento del portiere, depositando in rete. Finisce quindi, con il giallo sulla regolarità di una realizzazione non data, una partita sicuramente condizionata da un fondo non all’altezza di una sfida di Eccellenza. Purtroppo le ingenti precipitazioni atmosferiche, se da un lato sono importanti per l’erba naturale, allo stesso tempo si è sicuramente penalizzati quando si è costretti a usufruire di un terreno in erba naturale per allenamenti e partita domenicale. Questo vale anche per gli stessi calciatori della Cynthia. 

A fine partita, comunque, è festa grande per tutti: da un lato i castellani che, con tutta probabilità, blindano la salvezza e si assicurano così la possibilità di giocare di nuovo nel massimo torneo regionale anche per il prossimo anno; magari con la speranza di allestire un organico che possa provare a dire la propria nelle zone alte della classifica fino alla fine. Aldobrandini probabilmente ha solo proseguito il lavoro iniziato da Staffa e la formazione di Genzano ne ha raccolto i frutti. Quella biancoceleste è una squadra ostica, formata da giovani di spessore che potrebbero tranquillamente giocare in campionati superiori (leggi ad esempio Lisari, ex Perconti, o Simone Morra, calciatore dal talento sopraffino), uniti a calciatori di esperienza, malgrado la giovane età come Mortaroli e Castro (entrambi ’96) o altri elementi nel fiore della carriera, ma che hanno alle spalle una carriera di prestigio (come ad esempio l’ex Lazio Di Mario). Vertice che invece ritrova il Ladispoli, anche se di nuovo in coabitazione con la Vis Artena, sconfitta di misura (3-2) a Pomezia. Cardella è attaccante che fa reparto da solo, oggi è stato trattato pesantemente da giocatori e tifosi castellani (la vera rovina di questa (e di tante altre) società). Oggi era comunque impensabile fare meglio di così: ecco dunque spiegata la fondamentale importanza di questo punticino che serve a muovere la classifica ma anche a proseguire nella striscia positiva e dare ancora più fiducia ad un gruppo che può davvero scrivere la storia di questo campionato. Lo meriterebbe la città, lo meriterebbero i suoi tifosi ed i suoi Ultrà (oggi arrivati in dieci fino a Genzano) e soprattutto lo meriterebbe la società (in modo particolare il Presidente Umberto Paris ed il bravissimo Ds Paolo Nista).  

 

dedicato a Maurizio Dominici

 

51    LADISPOLI, ARTENA

47   CRECAS, ASTREA

44   UNIPOMEZIA

41    CIAMPINO

40   E. MONTEROTONDO, CYNTHIA

34   V. DEL TEVERE

30  CIVITAVECCHIA

25  TOLFA

24  A. VESCOVIO, BOREALE, M. GROTTE CELONI, L. MARINO, TOR SAPIENZA

23  R. MONTEROTONDO S.

22  M. CIMINI

 

 

LEGGENDA: 

PROMOSSA IN SERIE D

AGLI SPAREGGI NAZIONALI FRA SECONDE D’ECCELLENZA

AI PLAYOUT (DA GIOCARSI TERZ’ULTIMA VS SEST’ULTIMA E QUART’ULTIMA VS QUINT’ULTIMA, IN GARA UNICA ED IN CASA DELLA MIGLIOR CLASSIFICATA; MA SOLO IN CASO DI DISTACCO INFERIORE O UGUALE AGLI 8 PTI)

RETROCESSE DIRETTAMENTE IN PROMOZIONE