Calcio: Giovanili, episodi di razzismo da condannare

19 Novembre 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 47

Questo articolo è già stato letto 235 volte!

Di Giorgio Zanirato

Un bruttissimo e spiacevolissimo episodio di razzismo ha squarciato il bello di quello che dovrebbe restare semplicemente uno sport, ovvero il calcio. Soprattutto quello di “settore giovanile scolastico“, come viene definito dalla Lega Nazionale Dilettanti. Il fatto increscioso è accaduto qualche giorno fa in una gara del campionato U16, con protagonisti i ragazzi di una squadra all’indirizzo di un giocatore “colored” della formazione avversaria. E’ davvero triste tutto questo, ma è qualcosa che parte socialmente dalle famiglie di origine ed appartenenza: se in casa si insegnasse ai propri figli a rispettare il prossimo, indipendentemente dal fatto che questi sia giallo, nero, rosso, probabilmente sarebbe assai difficile il verificarsi di episodi simili. Naturalmente non si sta accusando nessuno, ci mancherebbe.

E’ chiaro che in un mondo dove non è più possibile fare o dire nulla, per non sollecitare la suscettibilità altrui, tutto questo sia amplificato, ma è persino poco sportivo quanto è avvenuto in quel campo di calcio della periferia romana. I genitori in primis e poi gli allenatori di calcio, hanno il compito di educare e far crescere gli uomini del domani e questa non è la strada giusta.