Calcio: Ilarita’, affetto, sentimento ed emozioni fortissime nel ricordo di un grande CAMPIONE: Roberto Ielasi

Calcio: Ilarita’, affetto, sentimento ed emozioni fortissime nel ricordo di un grande CAMPIONE: Roberto Ielasi

14 Gennaio 2018 0 Di puntoacapo

Hits: 2

Questo articolo è già stato letto 322 volte!

Di Giorgio Zanirato

 

Si è svolta in serata, presso il campo di calcio a 8 dell’impianto tiburtino sede sportiva del Setteville Caserosse, la IV° Edizione della “partita del cuore” denominata “Siamo sempre con te”, per ricordare il mai dimenticato CAMPIONE Roberto Ielasi. Tante, tantissime le coincidenze legate al fattore numerico dell’8: questo infatti è stato il numero di maglia indossato ai tempi della T. T. Teste; per onorare la memoria, si è giocato nel campetto di calci-otto e tanti sono anche (purtroppo) gli anni da quel maledettissimo 10 gennaio 2010, data che ha segnato la vita di tutti noi che abbiamo incontrato (più o meno per caso) questo gran bravo ragazzo, in campo e fuori. E’ il quarto anno di questa piccolissima (ma dal significato decisamente grandissimo e profondissimo) manifestazione per onorare un ricordo iniziato con il meraviglioso torneo giovanile che ha avuto luogo in Via Candiani e dal quale, sono usciti fuori calciatori che stanno attualmente calcando i palcoscenici della serie A: pensiamo ad esempio a Federico Bonazzoli (scuola Inter, oggi alla Spal via Sampdoria) o Federico Chiesa, figlio del grande centravanti ex Samp, Fiorentina e Lazio Enrico (che proprio con la formazione gigliata è arrivato sino alla prima squadra); o anche i giallorossi Marchizza (oggi all’Avellino, via Sassuolo), Muzzi (attualmente nei Dilettanti, al Ciampino, ma con tanto professionismo a livello di settore giovanile. scolastico alle spalle, ndr). Ma di ciò che è stato il passato (se non quello glorioso di questi ragazzi, ndr) a noi e a questo articoletto poco ce ne cale. Quello che invece ci preme mettere in evidenza Tanti protagonisti del finora unico scudetto Juniores di quella Tor Tre Teste 2007-2008 (altro “8” che ritorna, ndr) di cui ricorrono proprio quest’anno i 10 anni: molti di loro hanno smesso, qualcuno si è anche sposato (leggi Zampetti), qualcun’altro convive e i kg di troppo si cominciano a vedere, malgrado si parli di ragazzi di 28/29 anni….nonostante questo, però, i gesti tecnici rimangono quelli di un tempo.