Calcio: Serie D, 13ma giornata gir. G 2018-2019, Ladispoli-L. Roma 3-2

Calcio: Serie D, 13ma giornata gir. G 2018-2019, Ladispoli-L. Roma 3-2

18 Novembre 2018 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 6

Questo articolo è già stato letto 715 volte!

Tanta sofferenza per i tirrenici, che devono ringraziare chi gioca poco come Zucchi e Pagliuca; quanta sofferenza con questi “ragazzini terribili” della nuova Lupa 

Di Giorgio Zanirato

LADISPOLI (4-5-1): A. Salvato; Mastrodonato, Gallitano, Lisari, G. Salvato; Bertino, M. Sganga (26’st Zucchi), Tollardo (38’st Camilli), A. Sganga, De Fato; Cardella (41’st Pagliuca). A disp: Travaglini, Barone, Manzari, Maroncelli, Roscioli, Pallozzi Lavorante. All. Pietro Bosco

LUPA ROMA (4-2-3-1): Maltemi; Perocchi (15’st Di Giovanni), Cacciotti, Romeo, Fe (36’st Testi); Loggello (45’st M. Piano), Rebecchini; Ansini (39’st Tomaselli), Pompili, Scibilia; Tocci (35’st Cuscianna). A disp: Gori, S. Piano, Prati, Azzawi. All. Marco Amelia

ARBITRO: Capriuolo di Bari

ASSISTENTI: Romano e Maione di Nola

MARCATORI: 28’pt Tocci (L. R.); 36’pt, 13’st Cardella (La); 42’st Di Giovanni (L. R.); 48’st Pagliuca (La)

NOTE: Spettatori 350 circa. Espulso: Romeo (L. R.) al 32’st per fallo da ultimo uomo. Ammoniti: Rebecchini, Lisari, Pagliuca. Angoli: 4-14. Recupero: 0’pt; 5’st

LADISPOLI (RM) – La serie D, o meglio, il girone G della massima competizione dilettantistica a livello nazionale non conosce soste: tre giorni dopo aver disputato la 12ma giornata ecco le squadre scendere di nuovo in campo per il 13mo turno; al “Sale” si affrontano due squadre ferite, seppur in maniera differente, dagli eventi di quest’ultima settimana: da un lato il Ladispoli reduce dalla figuraccia di S. Teodoro e dall’altra la Lupa Roma, alla quale sono stati tolti due punti per una vicenda relativa a qualche anno prima quando l’allora società creata da Cerrai (che poi avrebbe ceduto la proprietà) militava in serie C. 

Gara a ritmi blandi per i primi 20′, in cui c’ è davvero poco da segnalare. Il punteggio si sblocca invece al 28′, sugli sviluppi di un cross di Fe dalla sinistra, che viene raccolto nell’area piccola dal giovanissimo ’01 Tocci; l’attaccante dei castellani ha tutto il tempo per addomesticare il pallone e con il piatto sinistro depositarlo nell’angolo più lontano. Il Ladispoli impiega sei minuti per pervenire al pareggio: azione fin troppo elaborata, ma comunque chiusa in maniera vincente dal solito Cardella, che supera Maltemi in uscita con uno “scavetto”, correndo poi sotto la tribuna per dedicare il goal al papà in tribuna, che oggi compie gli anni. Augurissimi!. Malgrado il pareggio, il Ladispoli fa incredibilmente tanta fatica contro una formazione dall’età bassissima (quasi da considerare una Juniores o poco più), che un minuto più tardi sfiora il nuovo sorpasso, ancora una volta con Tocci (questa volta di testa) sugli sviluppi di un cross di Scibilia; A. Salvato si ritrova miracolosamente il pallone fra le braccia e la Lupa può recriminare per l’opportunità fallita (37′). I padroni di casa risultano fin troppo laboriosi, lenti, macchinosi e poco inclini al tiro in porta; al 39′ ci prova Bertino dal limite, ma la conclusione è troppo debole e centrale per creare grattacapi al portiere avversario. Si va così all’intervallo sul parziale di 1-1, ma certamente non può dirsi soddisfacente la prestazione dei tirrenici. 

Per quanto riguarda la ripresa, il match ricomincia dall’11’ quando, su suggerimento di De Fato, Cardella prova la gran botta da fuori; Maltemi blocca a terra. Ma il goal è nell’aria e arriva al 13′: A. Sganga calcia dal limite, il pallone viene leggermente deviato da giocatori ospiti e diventa buono per Cardella, che così firma la propria doppietta ed il sorpasso ai danni della formazione di Amelia. L’ex centravanti di Boreale, Ostia e Montecelio ci riprova al 30′ su calcio piazzato, ma questa volta il portiere ’98 della Lupa blocca a terra. Un minuto più tardi è la volta di Zucchi, servito da Bertino; mancino a lato ma buona l’idea del giovane ’99 ladispolano. Arriva invece al 32′ l’episodio che sposta inevitabilmente l’ago della bilancia per quanto riguarda la partita: Romeo atterra con uno sgambetto Cardella lanciato a rete; per l’arbitro barese è cartellino rosso e calcio piazzato per il Ladispoli. La squadra di Bosco, apparsa decisamente troppo statica e con poche idee confuse, viene schiacciata anche in superiorità numerica nella propria area di rigore da una Lupa Roma che, pur contando su ragazzi davvero molto giovani non sembra meritare lo svantaggio e l’ultima posizione di classifica. La squadra ospite trova il pari al 42′, grazie ad un eurogoal del giocatore scuola Atalanta (in prestito alla Lupa dalla Juventus) Di Giovanni. Ma in pieno recupero, ancora una volta su assist di A. Sganga è Pagliuca a realizzare il goal-vittoria che fa esplodere la tribuna tirrenica. Una rete meritata per un ragazzo del ’97 che trova davvero poco spazio in squadra. Lo stesso attaccante scuola Vigor Perconti e Savio reclama palla al 50′, ma il neo entrato Camilli fa tutto da solo e arriva ad una conclusione strozzata, sulla quale Maltemi non ha problemi nel far sua la sfera. L’ultima emozione la regala la Lupa Roma con Tomaselli che reclama un calcio di rigore per un presunto fallo di A. Sganga e sul corner susseguente, è Maltemi a mettere sul fondo di testa (pallone probabilmente sfiorato da A. Salvato). 

Vittoria tutt’altro che soddisfacente, ma che serve a riscattare le ultime tre sconfitte e che arriva grazie ai giovani del vivaio; una “cantera” poco sfruttata dal tecnico che ha guidato anche gli Allievi in passato a Ladispoli. Con i tre punti, la squadra tirrenica torna a respirare e può preparare con maggior serenità la prossima insidiosissima trasferta di Sassari, contro una Torres surclassata oggi al “Francioni”, dal nuovo Latina targato Di Napoli. 

 

29   TRASTEVERE

26   MONTEROSI

25    LANUSEI

24    LATTE DOLCE, AVELLINO

21     SFF ATLETICO, APRILIA

20    OSTIA M.

19     ARTENA

18     LATINA*, ALBALONGA

17     CASSINO

16     FLAMINIA

14     LADISPOLI

12     BUDONI, TORRES

10     ANAGNI, CASTIADAS*

8       ANZIO

7        L. ROMA (-2)