Calcio: Serie D, 6a giornata gir. G 2018-2019, Monterosi-Ladispoli 2-1

Calcio: Serie D, 6a giornata gir. G 2018-2019, Monterosi-Ladispoli 2-1

14 Ottobre 2018 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 7

Questo articolo è già stato letto 572 volte!

Vittoria biancorossa e terzo ko stagionale per la matricola; da rivedere alcuni episodi

Di Giorgio Zanirato

MONTEROSI (4-3-3): Frasca; Matrone, Gasperini, Messina, Rasi; Barbato (18’st Pellacani), Mastrantonio (27’st Sabatini), Pisanu (43’st Gerevini); Alonzi (18’st Liurni), Gabbianelli (17’st Proia), Nohman. A disp: Rocchi, Francescangeli, Napolitano, Giannetti. All. Marco Mariotti 

LADISPOLI (4-5-1): A. Salvato; G. Salvato, Gallitano, Leone, Mastrodonato (33’st Zucchi); Bertino, M. Sganga, Tollardo (26’st La Rosa), De Fato, Pagliuca (12’st Camilli); Cardella. A disp: Travaglini, Barone, Manzari, Maroncelli, A. Sganga, Cannizzo. All. Pietro Bosco

ARBITRO: Cosseddu di Nuoro

ASSISTENTI: Meloni di Olbia e Mocci di Cagliari

MARCATORI: 6’pt De Fato (L); 13’pt rig. Nohman (M); 40’pt Mastrantonio (M)

NOTE: Spettatori 300 circa. Espulso: Nohman (M) al 39’st per blasfemia. Ammoniti: Cardella, Matrone, Tollardo, Barbato, Gallitano, Proia. Angoli: 1-4. Recupero: 1’pt; 5’st

MONTEROSI (VT) – Due anni di assenza. Tanto è trascorso fra l’ultima sfida al “Martoni” di Monterosi, fra i biancorossi viterbesi ed i rossoblu tirrenici: allora si giocava il campionato di Eccellenza e la formazione cimina si impose con il punteggio di 2-1. Quell’anno poi la compagine allenata da David D’Antoni stravinse il campionato, approdando meritatamente per la prima volta nella sua storia in Serie D. Proprio in Interregionale, in questa domenica di metà ottobre, le due squadre si ritrovano una di fronte all’altra nell’impianto della città viterbese; obiettivi diversi ma comune voglia di vittoria per una classifica che sicuramente non rispecchia i valori delle due società: i biancorossi puntano a disputare un torneo di vertice (come due anni fa, quando giunsero ad un solo punto dall’Arzachena promossa in C) mentre i tirrenici provano a salvare la categoria, sebbene sia impresa complessa. 

Il Ladispoli sembra partire meglio, ed al 4′ trova il goal che sblocca il punteggio e che vale quindi il sorpasso: azione insistita dei rossoblu, con l’assist finale di Manuele Sganga per De Fato, il cui destro dal limite sorprende l’ex Roma Frasca; palla in buca d’angolo e Monterosi già sotto in avvio. La squadra di Mariotti però non ci sta e (anche grazie all’aiuto arbitrale), perviene al pareggio già al 13′ grazie al solito Nohman, che supera A. Salvato su calcio di rigore generosamente assegnato dal sig. Cosseddu di Nuoro per un presunto fallo di Leone ai danni dell’ex prodotto del settore giovanile di Vigor Perconti e Romulea ed ex Sambenedettese, Mastrantonio. Come sempre, anche in questa circostanza metteremo a vostra disposizione le immagini in ogni modalità, per dar modo a voi di giudicare. La squadra di Bosco comunque non sembra risentire più di tanto del torto subìto; cinque minuti più tardi da un assist di Cardella, Bertino (l’uomo da cui non può prescindere questa squadra) prova a sorprendere Frasca con un destro a giro; palla alta di poco e grande occasione per il nuovo vantaggio costruita dai rossoblu (19′). Al 24′ Cardella riceve un giallo per simulazione, cadendo in area nel contrasto con Gasperini sul lancio in profondità con il contagiri ad opera di Bertino; anche in questo caso giudicate voi. Su questo episodio, si spegne la luce nel Ladispoli (si accende invece la spia di emergenza) e il Monterosi può così iniziare a prendere sempre più campo, arrivando al goal della rimonta che giunge però soltanto al 40′: obiettivamente una gran conclusione quella di Mastrantonio, sulla quale A. Salvato davvero non può farci nulla. Ma non si può lasciar tirare un calciatore da quella distanza con così troppa facilità. In ogni caso, all’intervallo è 2-1 per il Monterosi contro un Ladispoli a cui è mancato il fiato e le idee troppo presto nel match. 

La ripresa si apre con una squadra di casa che rallenta i ritmi, consentendo agli avversari di mettersi finalmente in gioco. All’11’ ci prova Cardella di testa, su suggerimento di De Fato; colpo di testa troppo lento e velleitario per creare grattacapi all’esperto estremo difensore ex Nuorese ed Albalonga (fedelissimo di Mariotti). Il Ladispoli si rende veramente pericoloso soltanto al 16′, quando Frasca e la retroguardia biancorossa vanno realmente  in affanno sull’azione insistita che ha portato al tiro di Mastrodonato in spaccata; palla in calcio d’angolo e grande pericolo corso dai viterbesi. L’ingresso in campo di Camilli ha dato maggior peso in avanti: l’ex Cervia costruisce due palle goal nell’arco di un minuto ed il Ladispoli va vicinissimo al pareggio nella seconda metà della ripresa. Non bastano cinque minuti di recupero alla formazione tirrenica per riuscire a proseguire la mini striscia positiva. Vince il Monterosi, anche se convince a metà, mentre per il Ladispoli la crisi continua: la classifica è ancora molto corta, ma una sola vittoria in sei giornate è davvero troppo poco per un gruppo come quello del Ladispoli; bisogna provare ad invertire il trend, altrimenti le cose potrebbero diventare difficilissime. Certo, dicembre è abbastanza vicino, ma è davvero facendo mercato che le cose possono cambiare?…Meglio nella ripresa più che nel primo tempo nella sfida odierna, ma i limiti di esperienza sono ancora evidenti. 

Domenica si riparte con Albalonga-Monterosi (gara da ex per Nohman, che verrà squalificato per la bestemmia proferita e per Mariotti da un lato; Ferazzoli e Pippi dall’altro). L’episodio dell’ex attaccante della Nocerina e dell’Albalonga è sintomatico per un club che punta tanto sul fair-play e tutt’altro che nobile e di bell’esempio, soprattutto in riferimento ad un calciatore della sua esperienza. In campo come in tribuna, dove sedicenti tifosi del Monterosi hanno ripetutamente invitato a menare i giocatori ospiti o peggio di non proferir parola, con espressioni piuttosto colorite. Il Ladispoli, dal canto suo, riceverà la visita del Castiadas (fra le cui fila milita l’ex Arzachena Alessio Figos, ndr): uno scontro diretto da vincere per risollevare una deficitaria classifica. 

 

14  LANUSEI

13  AVELLINO, TRASTEVERE

12  MONTEROSI, ARTENA

11   SFF ATLETICO

10  CASSINO, APRILIA

9    ALBALONGA, LATTE DOLCE

 LATINA*

6   FLAMINIA, OSTIA M.

5   CASTIADAS*, BUDONI, LADISPOLI, L. ROMA

4   TORRES

3   ANAGNI

1    ANZIO

 

*UNA GARA IN MENO (RECUPERO CASTIADAS-LATINA 28/11/18)