Calcio: Serie D, i numeri della 12ma giornata

Calcio: Serie D, i numeri della 12ma giornata

18 Novembre 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 26

Questo articolo è già stato letto 64 volte!

Di Giorgio Zanirato

Agli archivi la 12ma giornata nei tre gironi che riguardano le nostre formazioni regionali. Per quanto concerne il girone G, botta e risposta fra Ostia Mare e Turris, con i biancoviola che espugnano Sassari al sabato, grazie a Mastropietro e volano provvisoriamente in testa al campionato. Fatica più del previsto la formazione di Fabiano, per avere la meglio sull’altra sassarese, ovvero la Torres: è 3-2 il finale per i corallini, capaci di rimontare lo 0-2 iniziale dei sardi, firmato Sartor-Virdis e riconquistare la vetta solitaria in classifica grazie ad Alma, Sowe e Simonetti. Isolani che restano a bocca asciutta, dopo aver assaporato l’impresa di violare il “Liguori”, ma la formazione di Mariotti rimane però anche (a pieno titolo) in corsa per i fantomatici playoff, a -8 dal vertice. Scivola al terzo posto il Latte Dolce di Udassi, capolista fino a due turni fa ma comunque confermatosi sui livelli altissimi dello scorso anno. Tre i punti che separano la squadra sarda dalla vetta: tutto può ancora succedere.

Risale e si conferma nella zona nobile della graduatoria anche il Trastevere di Perrotti, che liquida i campani del Portici con un risultato “di rigore” all’inglese (Tajarol e De Julis i marcatori) e si tiene a quattro lunghezze dalla vetta. Ospiti invece in caduta libera e sprofondati in piena zona playout. Non vanno oltre lo 0-0 Budoni ed Aprilia; nel primo caso, il pareggio lascia i galluresi al penultimo posto in classifica e porta all’avvicendamento fra Hervatin e Cerbone. Delusione ed amarezza saranno i sentimenti che certamente proverà anche il vulcanico Presidente Pezone, all’indomani del pari ad occhiali contro il Cassino. Segno evidente che le rondinelle dovranno ancora crescere ed attendere un pò di tempo per poter ambire a certi traguardi…Probabilmente contro quest’Arzachena è fin troppo facile giocare; la formazione guidata da Giorico (rimasto in sella malgrado il cambio di società e la ripartenza dai Dilettanti, grazie all’intervento di Gabriele Volpi). A dicembre ci sarà da spendere tanto e bene in casa smeraldina, per provare a restare nel massimo campionato dilettantistico. Intanto ieri, al Pirina, è passato l’uragano Latina: la formazione di Maurizi ha vinto con un secco 3-0, firmato da Corsetti, Cunzi e dal giovane ma talentuoso Mastrone (2001).

In risalita anche la Vis Artena di Campolo: la squadra dell’ex Arce e Morolo batte per 2-1 (doppietta di Delgado) il fanalino di coda Anagni e raggiunge quota 17 punti, restando a due lunghezze dal Latina ed a quattro dalla zona playoff, ma allo stesso tempo scavalcando Muravera e N. Florida che non si fanno del male: al “Mazzucchi di Ardea finisce 0-0 lo scontro salvezza. Un altra gara diretta per la permanenza in categoria, una sorta di “derby del cuore” vista l’amicizia fra società ed il ritorno al “Sale” di due ex come Cannizzo e Rocchi (goal dell’ex per lui), se l’aggiudica l’Academy Ladispoli, che raccoglie la seconda vittoria consecutiva (due scontri diretti di fila non li aveva vinti mai nella passata stagione o forse solo con Cotroneo) ed agguanta il Portici al sest’ultimo posto della generale. Tirrenici che vendicano così lo 0-1 patito proprio dai romani nella stagione del testa a testa con l’Artena in Eccellenza, per la vittoria del campionato, scavalcano i gialloverdi in classifica e mettono a rischio la panchina dell’eroe della passata stagione, ovvero Fabrizio Anselmi. Rossoblù alla 50ma gara in Interregionale, questo il bottino totale: 13 vittorie, 11 pareggi e 26 sconfitte (alle quali vanno aggiunti un pareggio ed un ko in Coppa Italia, sempre con avversaria la Flaminia).

Per quanto concerne, invece, le altre laziali sparse negli altri due raggruppamenti, l’ex Ostia Mare Sciamanna trascina sempre più in alto il Monterosi: nel 4-1 al Ponsacco c’è spazio (fra i marcatori) anche per l’ex Lupa Roma Squerzanti. Di Tehe il goal della bandiera dei toscani, che scivolano sempre di più verso la zona calda della classifica. Non va oltre al pareggio invece l’Albalonga di Venturi, che ringrazia l’ex Anagni e Romulea Di Vico (2001), autore del pareggio a Bastia (Felici il marcatore dei biancorossi).

La doppietta di Massella regala un successo importantissimo in chiave salvezza, anche se si dovrà ancora giocare il derby dello “zecchini” fra Grosseto e Gavorrano. Modesti e Sirbu regalano un punto d’oro a mister Punzi, nella sfida del “Brilli Peri” di Montevarchi, a segno con l’ex di turno Giustarini e Martinelli. Civitonici a quota 13, insieme agli stessi avevrsari toscani di giornata, ma anche al S. Donato T. ed al Pomezia. E’ incredibile il pari per 4-4 maturato al “Nuovo Romagnoli” di Campobasso, dove l’A. Fiuggi di Incocciati ha affrontato i rossoblù lucani: Macrì, Manfrellotti, Forgione ed un autorete consentono ai ciociari di togliersi, per la prima volta in stagione, dalle sabbie mobili della zona playout.