Calcio: Serie D, Ostia Mare-Anagni 1-1 dts

Calcio: Serie D, Ostia Mare-Anagni 1-1 dts

13 Maggio 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 33

Questo articolo è già stato letto 63 volte!

OSTIA MARE (5-3-2): Barrago; Lazzeri (1’pts Di Iacovo), Colantoni,
D’Astolfo, Sarrocco, Calveri; Ferrari (10’pts Scaccia), Cabella (47’st Pedone), Bellini; De Iulis (33’st Bertoldi), Attili (11’sts Martorelli). A disp: Giannini, Ceccarelli, Pellegrini, Renzetti. All. Alfonso Greco

ANAGNI (4-3-2-1): Di Piero; Galvanio, Contucci, Pralini (1’st Lustrissimi), Bordi (31’pt Pappalardo; 20’st Flamini); Tataranno (23’st D’Amicis), Colarieti, D’Orsi; La Terra (9’st Gragnoli), Capuano; Cardinali. A disp: Stancampiano, Ancinelli, Cipriani, Di Vico. All. Antonio Pecoraro

ARBITRO: Virgilio di Trapani

ASSISTENTI: Castro di Livorno e Giuggioli di Grosseto

MARCATORI: 17’st De Juilis (O); 50’st Cardinali (A)

NOTE: Gara a porte chiuse. Espulsi: Galvanio (A) al 25’st e Gragnoli (A) al 10’sts per somma di ammonizioni. Allontanato dalla panchina il Ds Diego Tomassi (A) a fine tempi regolamentari, per proteste. Ammoniti: Ferrari, Tataranno, Colantoni, Barrago, Bertoldi. Angoli: 10-3. Recupero: 2’pt; 4’st; 1’pts; 1’sts

OSTIA (RM) – Gara interminabile e ricca di emozioni nella seconda parte, quella andata in scena all’Anco Marzio di Ostia: bisogna attendere fino al 120° per decretare la salvezza dei ragazzi di Alfonso Greco, ma un applauso va fatto anche ai biancorossi ospiti, che hanno messo in campo il cuore per provare a mantenere la categoria, vincendo la partita.

Ostia subito in avanti: Attili si divora il vantaggio al 2′; il diagonale dell’ex Tor di Quinto termina fuori di pochissimo. Biancoviola che chiudono la prima frazione in avanti, con il calcio di punizione battuto da Colantoni in pieno recupero: palla a centro area, Ferrari stacca di testa ma Di Piero è reattivo e devia il pallone con i pugni in calcio d’angolo. Il primo tempo si chiude quindi sul parziale di partenza: è 0-0 all’Anco Marzio fra Ostia Mare ed Anagni.

La ripresa vive nell’anonimato fino al 17′ quando, da un altro calcio da fermo di Colantoni, il pallone smanacciato dall’ex di turno Di Piero (ex Primavera della Lazio) viene rimesso a centro area da Lazzeri e diventa buono per l’ex bomber del Serpentara ed Ascoli De Julis (scuola Urbetevere), che nel cuore dell’area piccola realizza con un piatto destro sul quale l’estremo difensore avversario non può far nulla. A questo punto, la formazione di Alfonso Greco è sempre più vicina alla salvezza, mentre a quella di Pecoraro servirebbe almeno il pari per provare a prolungare la sfida ai tempi supplementari e giocarsi la salvezza fino in fondo. Ospiti che però restano in inferiorità numerica a partire dal 25′, per il doppio giallo sanzionato all’ex Crecas Galvanio. Nell’Ostia Mare Bertoldi rileva De Julis al 33′ ed un minuto più tardi, lo stesso ex Tor Tre Teste, Cynthia (lo scorso anno in Serie C con la maglia dell’Arzachena) manca la ghiottissima occasione del raddoppio. Ostia ancora ad un passo dal 2-0 al 35′, ma Lazzeri servito ottimamente da Bertoldi calcia incredibilmente alto a tu per tu con Di Piero. L’Anagni ci prova, ma l’Ostia controlla abbastanza agevolmente le operazioni del gioco: si arriva così al recupero; l’arbitro assegna 4′ di extra-time. Ma al 50′ (quindi fuori tempo massimo, secondo i calciatori biancoviola ed anche secondo il cronometro) gli ospiti riescono a pervenire al pareggio: D’Orsi crossa dalla sinistra, il pallone attraversa tutta l’area e diventa buona per Capuano che rimette al centro per Contucci, ma l’ex T. T. Teste e Frosinone manca l’impatto con la palla a tu per tu con Barrago. La sfera resta buona per Cardinali che realizza di destro una sorta di rigore in movimento. E’ l’apoteosi per i dirigenti ciociari presenti in tribuna: squadre di nuovo in parità e “rimandate” ai tempi supplementari.

Si torna così in campo dopo una breve pausa, ma la prima frazione supplementare scorre via senza grossi patemi da ambo le parti. Si va così alla seconda frazione da 15′: se non ci sono realizzazioni, al triplice fischio finale sarà l’Ostia Mare a gioire. A pochissimi secondi dal triplice fischio finale, D’Orsi su calcio piazzato fa venire i brividi sulla schiena ai giocatori di casa; palla a girare la barriera che finisce sulla traversa a Barrago battuto. Quando l’arbitro fischia scoppia la festa biancoviola, che vanno a festeggiare con i propri ultrà situati fuori dal campo.

Ostia vivrà la sua ottava stagione consecutiva in Serie D, mentre l’Anagni può ora sperare in un ripescaggio estivo, altrimenti proverà a tornare subito in Interregionale attraverso il campionato di Eccellenza.