Calcio: That’s what Friends are for…

Calcio: That’s what Friends are for…

8 Giugno 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 105

Questo articolo è già stato letto 675 volte!

Di Giorgio Zanirato

In bad times and good times, I’ll be on your side for ever more…That’s what Friends are for… “Queste sono alcune parole di una celebre canzone cantata da Dionne Warwick, in collaborazione con altri grandi artisti come Stevie Wonder. Ed è un pò il manifesto di un’amicizia, quella che personalmente mi lega ad un tecnico di calcio giovanile regionale, come Fabrizio Feroce. Potrà sembrare un piccolo articolo di parte, forse in effetti lo è. Mi hanno insegnato a non parlare mai in prima persona, sfruttando le bianche pagine di un portale, ma chi mi conosce sa che tipo di individuo sono e sa anche che io non riesco a tenermi le cose dentro. Colgo l’occasione, quindi, di questa grande vittoria per mettere per “iscritto” qualcosa che in realtà avrei potuto anche dirti di persona e non è escluso che non lo farò. 

Ma ci tengo altresì a rendere, una volta di più, pubbliche le mie emozioni. Proprio perché non so fare altrimenti. Comincio dal chiederti SCUSA, amico mio, perchè spesso come dici tu “amo fare il protagonista“, sbagliando forse nel fare il “giornalaio“: anche in questo caso, come dici te, la cosa mi ha portato non pochi problemi ma questo perché io sono schietto, sincero, onesto e forse il vero giornalista (oltre ad essere un figlio di una m…a) è anche estremamente falso. Io non ci sono mai riuscito purtroppo. Ti chiedo SCUSA perché le persone intelligenti sono quelle che sanno farlo; te lo chiedo perché sai quanto io ci tenga alla tua amicizia (che dura oramai da quasi dieci anni) iniziata per caso e per causa del nostro torneo ai tempi di Fuori Area… Forse è meglio che io torni a fare ciò che so fare meglio, ovvero il videomaker….Ti ringrazio per le critiche e le punzecchiature amichevoli, perchè tu per me sei da sempre una sorta di “fratello maggiore” e quindi so che tu lo fai a fin di bene, per riportarmi sulla retta via..

In chiusura, caro Fabrizio, volevo dirti però anche che sono davvero strafelice per i risultati ottenuti da te in questi ultimissimi anni (anche qui sono di parte) perché ti meriti di cavalcare l’onda di questo successo. Persone come te non se ne incontrano nè nel calcio dilettante nè tantomeno a livello umano.  Io sarò sempre dalla tua parte e sono orgoglioso di quanto sei riuscito a conquistare, indipendentemente da come andrà la gara di sabato a Firenze, perché tu per me, come per tuo papà Franco, per quella gran donna che risponde al nome di Laura e per Manuel (innamorato pazzo del suo papà), sei già il NOSTRO EROE! 

Ti voglio bene Fabry…perdonami per i miei sbagli se puoi!