Calcio: U19 (Juniores) Nazionale, 7a giornata gir. H 2018-2019, Ladispoli-Sff Atletico 4-1

Calcio: U19 (Juniores) Nazionale, 7a giornata gir. H 2018-2019, Ladispoli-Sff Atletico 4-1

27 Ottobre 2018 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 20

Questo articolo è già stato letto 762 volte!

I rossoblu si aggiudicano il derby tirrenico, conquistando anche la prima vittoria stagionale, grazie ad un super Zucchi

Di Giorgio Zanirato

LADISPOLI: Miccinilli, Maroncelli, Barone (32’st Buonanno), La Morgia, Quinti, Mignanti, Vagnarelli (23’st Umiliaco), Manzari (10’st Roscioli), Pranzetti, Zucchi (29’st Mastropietro), Antonangeli (37’st Larocca). A disp: Kalbarczyk, Cence, Camboni, Pallozzi Lavorante. All. Michele Micheli

SFF ATLETICO: Crespina, Castelluccio, Monti (38’st Ronci), C. Cibei, Scarpiniti, De Stefano (5’st Mengoni), Ferrentino (23’st Picciau), Gigirgiu (16’st Guidi), S. Cibei, Guerrieri (9’st Coderoni), Rizzitelli. A disp: Verdecchia, Pellegrini. All. Gabriele Geminiani

ARBITRO:  Di Loreto di Terni

ASSISTENTI: Santostefano di Viterbo e Ardanese di Roma1

MARCATORI: 10’pt Zucchi (L); 33’pt Quinti (L); 36’pt Pranzetti (L); 6’st Manzari (L); 37’st S. Cibei (S)

NOTE: Spettatori 50 circa. Allontanato dalla panchina il Dirigente Accompagnatore Caparrotta (S) al 19’pt per proteste. Ammoniti: Mignanti. Angoli: 4-10. Recupero: 0’pt; 4’st

LADISPOLI (RM) – L’ultimo sabato di Ottobre, per quanto riguarda l’U19 di riferimento della Serie D, propone il derby tirrenico al “Sale”, ovvero la sfida fra il Ladispoli e l’Sff Atletico. I padroni di casa devono ancora trovare sè stessi e quel successo che non sembra riuscire ad arrivare; Micheli riabbraccia però tre calciatori protagonisti della splendida cavalcata della passata stagione, che trovano pochissimo (o per niente) spazio in prima squadra: Barone (terzino ’98), Zucchi (esterno ’99) e Manzari (centrocampista ’00). Per il difensore, in particolare, si tratta dell’esordio stagionale assoluto, dal momento che non gioca una gara ufficiale dalla parte conclusiva della scorsa annata. 

Padroni di casa subito in evidenza al 1′, con l’assist del ritrovato fantasista Zucchi all’indietro a beneficio di Antonangeli, il cui tiro finisce però alto sopra il montante trasversale della porta difesa da Crespina. Il calciatore ’99 ha sicuramente dato qualità ad una squadra fin troppo spenta nelle prime sei giornate di campionato. Al 10′ arriva il goal che sblocca il risultato, sugli sviluppi di un calcio piazzato magistralmente eseguito dal capitano rossoblu (con palla in buca d’angolo), giustamente festeggiato da tutti i compagni e dai componenti della panchina. Il giocatore si conferma autentica spina nel fianco della formazione di Fregene, visto che l’unica apparizione stagionale in cui ha giocato fino all’89° è stata proprio quella al “Paglialunga”, coincisa con il successo del Ladispoli (rimasta anche l’unica vittoria in campionato della prima squadra, fino all’infrasettimanale di mercoledì scorso ad Aprilia, ndr): al 33′ Zucchi duetta con Barone, per poi dare il via all’azione che porta al raddoppio di Quinti (gran bella conclusione da fuori la sua) su assist di Manzari (altro “cavallo di ritorno” per questa Juniores). L’Sff Atletico è battuto per la seconda volta nel match e la squadra di Geminiani non sembra in grado di arrestare la voglia di giocare e vincere di Zucchi e di un Ladispoli assolutamente trasformato rispetto alla squadra opaca vista in questo avvio di stagione. Passano appena tre giri di orologio e la formazione di Micheli sostanzialmente chiude i conti; servizio col contagiri delizioso da parte di un talento purissimo come Zucchi a beneficio di Pranzetti che, a tu per tu con Crespina, realizza il tris rossoblu con un destro imperdonabile. Il bomber sembra essere rinato in questa sfida, parrebbe tornato quel cannoniere spietato che tanto bene fece lo scorso anno e che in buona parte contribuì (alla pari dello stesso Zucchi, in coabitazione con Enasoaei oggi in tribuna malgrado l’infortunio e D’Ottavi nel reparto offensivo, ndr) alla splendida salvezza in Elite conquistata “per distacco” nel passato campionato. L’arbitro di Terni al 39′ ferma in maniera errata un’azione di Zucchi, su assist di Quinti, per un fuorigioco che…giudicate voi. Gli ospiti, sicuramente frastornati, provano ad alzare la testa ed il baricentro proprio ad un passo dal gong, andando vicinissimi al punto della bandiera: lancio in profondità di Gigirgiu per un bravissimo Rizzitelli che, evitato molto bene La Morgia, calcia con il destro ma trova la pronta respinta di Miccinilli in calcio d’angolo (44′). Si va quindi al riposo sul parziale di 3-0 in favore del Ladispoli padrone di casa. 

La ripresa inizia subito con il sigillo definitivo al match: è il 6′ sul cronometro quando Manzari realizza il poker rossoblu, su azione d’angolo. La partita praticamente si esaurisce qui: null’altro da segnalare nei minuti che seguono, a parte la normale e consueta girandola di cambi effettuata dai due tecnici, al fine di mettere forze fresche in campo, facendo altresì giocare un pò tutti i propri ragazzi a disposizione. L’Sff però non si arrende e trova il goal “della bandiera” sul finire del  match: al 37′ Miccinilli sbaglia completamente il rinvio, che diventa buono per S. Cibei il quale, involontariamente di testa serve Rizzitelli; l’esterno fregenese arriva sul fondo e mette al centro dove lo stesso attaccante, compagno di squadra deposita in rete il più facile dei palloni, che vale l’1-4 finale. E’ questa l’ultima emozione dell’incontro: al triplice fischio finale è festa grande per il Ladispoli che ottiene la sua prima vittoria stagionale, ringrazia i suoi ragazzi aggregati dalla prima squadra e guarda con rinnovata fiducia al prosieguo del campionato, almeno fino al mercato dicembrino, nel quale probabilmente qualcosa accadrà. Intanto però all’orizzonte c’è una trasferta in terra portodanzese alla quale il gruppo di Micheli arriva dopo aver scavalcato lo stesso Anzio (battuto in trasferta dall’Anagni per 3-1). A Fregene, invece, nel prossimo turno arriverà un lanciatissimo Cassino (attuale seconda forza del raggruppamento e reduce dal successo odierno in casa ai danni del Monterosi)

E’ stata questa, senza dubbio,  la partita dei tre “over” che hanno catalizzato su di loro tutte le attenzioni, rinvigorendo un gruppo demotivato e depresso da risultati che non arrivavano, in un campionato di per sè dalle scarse motivazioni. Lo abbiamo detto, Barone deve ritrovare il ritmo partita e quindi non può essere giudicabile, sebbene non si sia comportato male. Discorso diverso invece per gli altri due ragazzi, Manzari e Zucchi: due talenti sopraffini, purissimi che il Ladispoli dovrebbe (a nostro umilissimo parere) “coccolare” e sui quali dovrebbe puntare sicuramente di più, provando a non farseli scappare perché rappresentano un valore aggiunto per questa società. 

17  APRILIA

15  CASSINO

14  FLAMINIA, TRASTEVERE

12  SFF ATLETICO, LATINA

10  OSTIA M.

9    MONTEROSI, ALBALONGA, ANAGNI

7    ARTENA

5    LADISPOLI

4    ANZIO

0    L. ROMA