Pallanuoto: Serie C, F&D, parola al mister Criserà

Pallanuoto: Serie C, F&D, parola al mister Criserà

24 Dicembre 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 76

Questo articolo è già stato letto 249 volte!

Dopo il presidente Mario Lucarelli, anche mister Domenico Criserà – riconfermatissimo sulla panchina dell’F&D Waterpolis – ha detto la sua in merito al prossimo campionato di Serie C che vede la compagine castellana inserita tra le possibili sorprese. “Il campionato ci vedrà nel girone laziale – ha detto il tecnico – dopo un’esperienza in quello campano. È un raggruppamento equilibrato, difficile, con alcune squadre di caratura superiore e una neo retrocessa dalla B, il Cerveteri, oltre a tante compagini che hanno disputato i play off con costanza negli ultimi anni. Rispetto a quello sardo, è un girone con più partite e l’obiettivo è quello di confermare quanto di buono fatto l’anno scorso magari cercando di disputare i play off”.

L’allenatore presenta anche i nuovi innesti di una rosa che è di tutto rispetto: “La squadra si è rinforzata, a mio avviso, perché abbiamo mantenuto il gruppo storico e integrato alcuni ruoli con acquisti di grande spessore ed esperienza. Penso a Diego De Rosa, proveniente dal Civitavecchia, dove ha disputato la A2, o il portiere Leonardo Marini, sempre reduce da una stagione in A2.

Tra i nuovi c’è anche Simone Carducci, che sotto la mia guida ha già vinto un campionato di Serie C, difensore forte fisicamente e giovane. È arrivato Federico Colanera, che nonostante la giovane età ha già disputato tre stagioni di C, un contropiedista veloce che ci darà una marcia in più. Inoltre dal Colleferro è arrivato l’under 17 Federico Briganti, alla prima esperienza con la prima squadra, ma che sta facendo bene. Il battesimo di C nello scorso anno – ha concluso il mister – ci impone di migliorare il quinto posto e partecipare ai play off. Lì, poi, può succedere di tutto…anche di fare il colpo grosso. Restiamo fiduciosi e in attesa degli sviluppi di un’altra trattativa che potrebbe ulteriormente rinforzarci”.

Rocco Della Corte