Calcio: Juniores Nazionale, Flaminia-Pomezia 1-1

Calcio: Juniores Nazionale, Flaminia-Pomezia 1-1

29 Febbraio 2020 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 95

Questo articolo è già stato letto 210 volte!

Di Giorgio Zanirato

FLAMINIA: Fasanari, Merloni, Zannetti, Ulisse (41’st Bote), Aloisi, Cesetti, Bravini (16’st Coracci), Masotti (21’st Stentella; 47’st Carpenti), S. Rizzo, Mignone, Bangoura. A disp: E. Rizzo, Ciambotti, Giovannetti, Buffolino, Stuppia. All. Fabio Tocci

POMEZIA: Petrucci, Fonticelli, Abate, Andrometti, Trani (33’st Perendellini), Califano, Arduini (40’st Rossi), Gallo, Dari (26’st Altarozzi), Mezzina (40’st Manetti), De Marchi. A disp: Diotallevi. All. Christian Fittante

ARBITRO: Candela di Viterbo

ASSISTENTI: Romito di Viterbo e Arcidiacono di Roma1

MARCATORI: 37’pt Bangoura (F); 14’st Arduini (P)

NOTE: Spettatori 100 circa. Ospiti a referto con soli sedici giocatori. Ammoniti: Arduini, Merloni, Ulisse, Coracci, S. Rizzo, Califano, Fonticelli, Tocci. Angoli: 4-2. Recupero: 0’pt; 6’st

CIVITA CASTELLANA (VT) – Termina senza vincitori nè vinti il confronto del “Turiddu Madami”, che ha visto fronteggiarsi i padroni di casa della Flaminia (da un lato) ed il Pomezia (dall’altro). Protagonista in negativo (pur senza aver commesso errori eclatanti) la terna arbitrale, che ha mostrato pecche evidenti e che vanno sicuramente colmate, per la crescita dei giudici di gara.

La prima emozione dell’incontro giunge al 10′, con il cross dalla sinistra di Gallo (fuoriquota proveniente dalla prima squadra, scuola Tor Tre Teste ed ex Chieti e Civitavecchia, fra le altre) per il colpo di testa dell’esterno offensivo Campione d’Italia con la Rappresentativa Juniores all’ultimo Torneo delle Regioni, ovvero Arduini (ex Vigor Perconti); palla fuori non di molto rispetto alla porta difesa da Fasanari. La risposta dei rossoblù civitonici arriva al 32′: sugli sviluppi di un corner, Masotti mette al centro un pallone invitante, Aloisi viene ostacolato da Trani, ma la sfera resta buona per S. Rizzo, che incredibilmente riesce a mettere oltre la traversa a a pochi passi dal portiere avversario.

La rete è comunque nell’aria: il goal che spezza gli equilibri giunge cinque minuti più tardi, sull’asse Ulisse-Bangoura, con il perfetto assist in profondità del primo che viene finalizzato a dovere dal forte attaccante dei padroni di casa garzie ad un diagonale esterno che beffa Petrucci in uscita. La prima frazione di gioco si chiude con le proteste dei padroni di casa per un fuorigioco, parso molto dubbio: in effetti, sul pallone lanciato da Masotti, il calciatore in posizione irregolare è S. Rizzo, non Bangoura (che lascia la sfera al compagno di squadra, quando probabilmente avrebbe potuto giocarla lui). Primo tempo che si chiude, quindi, sul parziale di 1-0 in favore di una buonissima e propositiva Flaminia, contro un Pomezia che (occasione iniziale a parte) non ha costruito nulla di rilevante in fase offensiva nella prima frazione.

In avvio di ripresa è subito la formazione di Tocci a rendersi insidiosa, con il gran sinistro di Mignone dal limite, deviato prontamente con i pugni da Petrucci (3′). Pomezia in avanti al 12′, con il calcio di punizione battuto da Mezzina, che diventa un pallone d’oro per Fonticelli, ma il suo colpo di testa termina a lato. E’ tuttavia il preludio al goal del pareggio, che giunge due giri di lancette più tardi: Gallo mette al centro, Fasanari “buca” clamorosamente il pallone, sul quale si avventa come un falco l’ex Perconti Arduini, che fa 1-1 (14′). I padroni di casa sciupano l’ultima, chiarissima, palla goal per la possibile terza vittoria stagionale al 28′ quando sul lancio di un Ulisse artefice (come i suoi compagni del resto, Masotti su tutti) di una gran bella partita, serve un altro pallone invitante a S. Rizzo; l’attaccante s’infila fra le maglie della retroguardia avversaria ed entra in area, calciando però addosso a Petrucci in uscita.