Calcio: Juniores, Flaminia-Tor Sapienza 0-0

Calcio: Juniores, Flaminia-Tor Sapienza 0-0

25 Gennaio 2020 2 Di Giorgio Zanirato

Hits: 1893

Questo articolo è già stato letto 1897 volte!

FLAMINIA: Maltempi, Zannetti, Fagiani, Pasculli, Buffolino, Aloisi, Masotti (32’st Stuppia), Carpenti (22’st Cesetti), S. Rizzo, Stentella, Bangoura (30’st Merloni). A disp: E. Rizzo, Bravini, Giovannetti, Ciambotti, Moroni, Santini. All. Fabio Tocci

TOR SAPIENZA: Mannella, Anselmi, Iannotta, Pavone, Giocondi, Giampetruzzi, Bamba, Fulchini, Bertini, Tucci, Badagliacca (30’st Pascucci). A disp: Cappannari, Galli, Joshua. All. Giuseppe Centomani

ARBITRO: Giampietro di Pescara

ASSISTENTI: Bocci e Cencini di Roma2

NOTE: Spettatori 100 circa. Ospiti a referto con soli quindici giocatori. Ammoniti: Stentella, S. Rizzo, Bertini, Pascucci. Angoli: 4-7. Recupero: 0’pt; 3’st

CIVITA CASTELLANA (VT) – Finisce in parità il confronto del Madami: Flaminia e Tor Sapienza non si fanno del male e conquistano un punto a testa. Da sottolineare la presenza, in tribuna, di due grandi personaggi dello sport del recente passato: Andrea Giocondi e Carla Tuzzi, due sportivi azzurri che hanno fatto la storia dell’Atletica Leggera italiana; i loro figli erano protagonisti in campo da avversari.

Le occasioni più pericolose, in avvio, sono tutte per gli ospiti: al 9′ sugli sviluppi di un cross dalla sinistra di Fulchini, Bertini di testa colpisce in pieno la traversa a Maltempi superato. L’azione prosegue con il rilancio di Fagiani e con la palla che, successivamente, termina in calcio d’angolo.

Sul tiro dalla bandierina che segue, Maltempi smanaccia un pallone che diventa buono per la girata acrobatica di Fulchini; sfera che termina alta di pochissimo oltre il montante trasversale e Tor Sapienza nuovamente ad un passo dal goal che avrebbe aperto le marcature. La risposta civitonica arriva al 20′: S. Rizzo lancia Masotti che, entrato in area e saltato un avversario con una finta, calcia però incredibilmente addosso a Mannella in uscita. Sulla respinta ci prova Stefano Rizzo ma la mira è da dimenticare.

Padroni di casa ancora pericolosi al 36′ quando Zannetti scodella un ottimo pallone a centro area, che lo stesso Rizzo non riesce a depositare in rete a tu per tu con Mannella. Tor Sapienza insidiosissimo in chiusura di tempo: l’ex Romulea e Tor Tre Teste Tucci lancia in profondità per il figlio d’arte Giocondi che entra in area e calcia sull’uscita del portiere; pallone fuori di pochissimo. Si chiude qui il primo tempo del Turiddu Madami: è 0-0 il parziale fra Flaminia e Tor Sapienza.

Nella ripresa non accade nulla di rilevante fino al 23′ quando la squadra di Tocci riuscirebbe a trovare il vantaggio, ma l’arbitro aiutato dall’assistente, annulla per un presunto e possibile fuorigioco: riguardando le immagini, l’unica interpretazione che possiamo dare è quella di Buffolino che sul tiro di Aloisi potrebbe trovarsi oltre la coppia formata da Anselmi e Iannotta, ma ovviamente la nostra ipotesi è puramente giornalistica. Sta di fatto che si resta con il dubbio e con il punteggio inchiodato sul risultato di partenza (0-0). Al 33′ è la formazione romana ad andare vicinissima al vantaggio, sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Tucci dalla tre quarti; Maltempi si salva con l’aiuto della traversa. E’ il secondo legno dei gialloverdi nel match. Altro episodio da moviola al 39′: Merloni serve involontariamente l’ex Pro Roma Pascucci che, entrato in area, viene atterrato da Aloisi. metteremo a vostro servizio immagini e fotogrammi, ma come sempre l’impressione e l’interpretazione che possiamo dare noi (umili scribacchini) è quella del calcio di rigore non assegnato agli ospiti. Questa è anche l’ultima emozione della sfida, che si chiude così sullo 0-0; Tor Sapienza che resta agganciato al gruppetto playoff, mentre la Flaminia torna a fare punti dopo il ko di settimana scorsa a Cassino, ma che resta però anche ultima in graduatoria, per effetto del successo del Pomezia ai danni dell’Albalonga.

Si ringraziano i sigg. Tocci Fabio (Flaminia) e Centomani Giuseppe per i complimenti e le belle parole espresse all’indirizzo del sottoscritto, a margine della sfida. Fa sempre enormemente piacere ricevere elogi per il lavoro ed il servizio che si svolge, soprattutto all’indomani di una brutta pagina di calcio (che con questo sport non ha nulla a che fare, visto che si è attaccata una donna dirigente da anni di una squadra di Allievi, ndr) vissuta la settimana prima a La Borghesiana.