Serie D, domani si decide il futuro di molte realtà

Serie D, domani si decide il futuro di molte realtà

11 Maggio 2019 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 46

Questo articolo è già stato letto 159 volte!

Ostia Mare, Anagni, Torres e Castiadas si giocano la permanenza in Interregionale; Avellino e Lanusei si giocano i professionisti

Di Giorgio Zanirato

La Serie D ha terminato la stagione regolare una settimana fa. Pochi, in realtà i verdetti definitivi: non sono infatti bastate 38 giornate al Lanusei (per lunghi tratti dominatore del girone, anche se diversi episodi lasciano pensare e soprattutto a livello comportamentale non andrebbero neanche promossi) per emulare l’Arzachena di due anni fa: l’Avellino recupera sette punti in pochissime giornate e sfiora il clamoroso passaggio in Serie C, ma alla fine deve “accontentarsi” dello spareggio promozione, da giocarsi al “Manlio Scopigno” di Rieti (inizio gara ore 15). Le regole sono quelle classiche: in caso di parità al 90°, si procederà con gli eventuali tempi supplementari e poi con i tiri di rigore, al fine di decretare la formazione che il prossimo anno militerà nel campionato di serie C. Spettatore interessato ovviamente il Cassino, giacché la perdente “retrocederà” nella griglia dei playoff, giocando dinanzi al pubblico amico la semifinale contro i ciociari di Corrado Urbano, giunti al quinto posto finale in campionato. L’altra gara è Trastevere-Latte Dolce: chi passerà si giocherà l’accesso alla fantomatica graduatoria dei ripescaggi nel campionato professionistico della terza divisione nazionale.

Ma domani sarà anche il giorno del giudizio per quattro compagini che lottano per restare in Serie D: a partire dalle 16, infatti, a Sassari ed Ostia si giocheranno due derby salvezza come Torres-Castiadas ed Ostia Mare-Anagni. In questo caso, se le due sfide dovessero chiudersi in parità al 120°, festeggerà la permanenza in interregionale chi avrà la migliore classifica (ovvero chi ha giocato in casa, cioè Torres ed Ostia).