Calcio: Prima Categoria, Panariello si racconta

Calcio: Prima Categoria, Panariello si racconta

21 Febbraio 2024 0 Di Giorgio Zanirato

Questo articolo è già stato letto 164 volte!

Roma – Un’altra vittoria per la prima squadra della Vis Casilina che ha già da tempo ipotecato la salvezza. I ragazzi di mister Roberto Papotto hanno battuto il Giulianello penultimo della classe per 4-2, al termine di una gara ben giocata anche se c’è stato qualche brivido nel secondo tempo. Tra i protagonisti, ancora una volta, c’è stato l’esterno sinistro classe 2000 Riccardo Panariello che è in un momento eccezionale avendo segnato cinque gol nelle ultime sei partite (di cui due nell’ultimo match) per un totale di otto marcature stagionali. “E’ la mia annata più propizia, ma adesso sto giocando anche qualche metro più avanti visto che faccio il “quinto” nel 3-5-2 adottato dal mister. Domenica abbiamo indirizzato la partita già nel primo tempo con la rete di Capone e il primo dei miei due gol”. Dopo la rete del 3-0 (firmata ancora da Panariello), la Vis Casilina ha calato la concentrazione. “Io sono uscito e non so bene cosa sia accaduto: gli ospiti hanno accorciato le distanze arrivando sul 3-2, poi De Masi ha chiuso i conti”. Panariello parla dello spirito con cui giocherà la Vis Casilina in questo finale di stagione: “Vogliamo divertirci e fare più punti possibili. La salvezza non è mai stata in discussione, ma questa squadra vale tranquillamente almeno un posto tra le prime sei. Qualcosa ci è mancato per stare lassù: forse l’organico non è lunghissimo e forse la giovane età media del gruppo ci ha penalizzato, ma abbiamo perso troppi punti con squadre che sono sotto di noi in classifica”. Per l’esterno è il secondo anno alla Vis Casilina: “Mi trovo bene qui, il gruppo è sempre stato molto affiatato ed è un piacere farne parte. Poi c’è mister Papotto, con cui lavoro da quest’anno, che mi fa sentire la sua stima”. Nel prossimo turno, la formazione capitolina avrà la dura trasferta di Artena: “Loro sono terzi assieme alla Cavese e lottano per il secondo posto. Sono una gran bella squadra, ma noi andiamo lì per giocarcela come accaduto all’andata quando pareggiammo 2-2. Questa squadra se la può giocare con chiunque, anche col Palestrina capolista all’andata meritavamo il pareggio”.

Area comunicazione