Calcio: Allievi Regionali, la Vis Casilina parte col piede giusto

Calcio: Allievi Regionali, la Vis Casilina parte col piede giusto

17 Ottobre 2023 0 Di Giorgio Zanirato

Questo articolo è già stato letto 128 volte!

Roma – Un inizio da urlo per Gli Allievi regionali della Vis Casilina. I ragazzi del neo tecnico Massimo Attili hanno piegato domenica scorsa la Lepanto Marino con un rotondo 3-0. Un successo che l’allenatore del club capitolino accoglie con soddisfazione e… prudenza: “Un esordio inaspettato, siamo una matricola con tanti ragazzi che non hanno mai fatto la categoria regionale e dobbiamo pensare a salvarci. Di fronte abbiamo avuto un’ottima squadra che ha provato a fare la partita, ma i miei ragazzi si sono difesi con ordine e non hanno quasi mai sofferto. I primi due gol sono arrivati nei primi venti minuti grazie ad Ignat e Montano, poi nella ripresa Piedimonte ha messo il punto esclamativo sulla nostra vittoria. Direi che è stata una prestazione quasi perfetta, ma adesso non bisogna commettere l’errore di montarsi la testa: è appena la prima partita di campionato e bisogna lavorare tanto per ottenere l’obiettivo della salvezza”. Attili è l’unica novità dello staff tecnico del settore agonistico della Vis Casilina 2023-24: “Ma avevo già lavorato in passato col presidente Enrico Gagliarducci e col direttore sportivo dell’agonistica Tonino Rovere. Qui ho trovato una società organizzata e poi c’è buon rapporto con tutti gli altri allenatori, in particolare con mister Manuel Ricci degli Allievi Fascia B provinciali, con cui condividiamo il campo durante gli allenamenti”. Attili parla della conformazione del gruppo: “Ci sono alcuni elementi già presenti alla Vis Casilina e altri nuovi arrivati. I ragazzi stanno lavorando tanto, dobbiamo formare soprattutto la giusta mentalità per affrontare questa categoria”. Nel prossimo turno i ragazzi di Attili saranno di scena sul campo dell’Atletico Lodigiani: “I prossimi avversari hanno vinto fuori casa con la Borghesiana per 1-0 all’esordio, so che hanno un bel gruppo e indubbiamente sarà un test complicato per noi. Ma l’importante è scendere in campo con il giusto atteggiamento, poi il risultato è figlio di tanti fattori”.

Area comunicazione