Calcio: Serie D, il commento

Calcio: Serie D, il commento

3 Ottobre 2022 0 Di Giorgio Zanirato

Hits: 65

Questo articolo è già stato letto 98 volte!

Di Giorgio Zanirato

Il campionato di serie D archivia la quinta giornata, la seconda in pochi giorni a causa delle recenti elezioni politiche. Vediamo cosa è successo in questo turno domenicale. 

 

Partiamo ovviamente dal girone E, dove registriamo la seconda sconfitta stagionale (e casalinga) della Flaminia di Nofri, battuta di misura anche dall’Arezzo (dopo che in precedenza fu il Livorno a violare il Madami alla prima giornata, ndr): la rete degli aretini è stata messa a segno da Settembrini. Terzo risultato utile consecutivo per il Montespaccato, che sale a quota 4 in virtù del pari a reti bianche maturato nella sfida contro il Seravezza. Torna, invece, al successo l’Ostia Mare di Galluzzo: i biancoviola espugnano il campo di Terranuova Bracciolini grazie a Roberti.  Per quanto riguarda le altre, detto della capolista, tiene il passo la Pianese che espugna Orvieto e rimane a due lunghezze dalla vetta. Resta da solo al terzo posto, a -5 dall’Arezzo, il Livorno dopo il pari a reti bianche contro il Ghiviborgo di Maccarone. Brindano al successo anche C. di Castello e Gavorrano, che in casa hanno la meglio su Poggibonsi e Ponsacco; nei maremmani è arrivata la prima rete di Lorusso. Manca l’appuntamento con la seconda vittoria di fila il Grosseto, che fallisce un calcio di rigore contro il Trestina, ma i segnali di risveglio dei biancorossi sono importanti e la classifica inizia a scuotersi. 

Passiamo al girone F, dove la Roma City centra la prima vittoria della stagione, anche grazie ad un eurogol dell’ex Flaminia e Ladispoli Manoni: i ragazzi di Statuto battono a Capena il Termoli nello scontro diretto per la salvezza, staccandolo di tre lunghezze. Pari esterno per la CynthiAlbalonga di D’Antoni: all’Angelini di Chieti finisce 1-1, grazie ai goal di Cesario per i teatini e Borrelli per la formazione di Genzano, che sale così a quota 7. Vincono, invece, N. Florida e Trastevere nelle rispettive gare casalinghe contro Samb e Matese: entrambi sofferti i successi danno nuova fiducia alle formazioni di Del Grosso e Cioci, in vista dei prossimi impegni. I rionali tornano a stretto contatto con la vetta, occupata ora dal P. D’Ascoli, in seguito alla vittoria all’inglese ottenuta nello scontro diretto con il Fano. Per quanto riguarda le altre di questo girone, l’ex capoclassifica Avezzano di Scorsini viene fermata in casa dalla Vastese di Ferazzoli; i biancoverdi hanno comunque totalizzato 10 punti in quattro giornate con il ko all’esordio sulla panchina da parte dell’ex Crecas, Ladispoli, Cimini e Semprevisa. Il Pineto sale a quota 8 grazie al 3-0 ai danni della Vigor Senigallia, mentre è 0-0 fra Notaresco e Montegiorgio. Clamorosa sconfitta casalinga del Tolentino, contro la rivelazione Vastogirardi. 

 

Chiudiamo con il girone G, che ha visto soccombere il Pomezia nel posticipo contro il Real Monterotondo Scalo: a Via Varrone finisce 2-1 per gli uomini di Paris, con i rossoblù che diventano la nuova capolista insieme all’Arzachena di Nappi (2-1 alla Lupa Frascati, con reti di Bolo e Sartor; per i castellani di Chiappara a segno Sabatini) ed al Sorrento di Vincenzo Maiuri, che con egual punteggio si sbarazza del Tivoli di Colantoni. La Paganese non va oltre l’1-1 in terra sarda, con l’A. Uri, mentre l’altra realtà della Costa Smeralda, ovvero la neo promossa Ilvamaddalena di Aldo Gardini sta guadagnando posizioni importanti e ieri ha espugnato il terreno del Portici per 3-2 (reti di Ansini, Cacheiro ed un autorete per gli ospiti), assestandosi a quota 9. Vince di misura la Casertana guidata dall’ex Rieti, Padova e Trento Carmine Parlato: i campani battono 1-0 il C. O. S. e salgono a 8, alla pari del Nola, che fa suo il derby contro l’Angri. L’ Aprilia non va oltre lo 0-0 a Palma Campania, mentre è finito con un altro pareggio (questa volta per 1-1) il derby fra l’Artena fanalino di coda ed il Cassino di Carcione.