Calcio: Juniores Elite, 22° giornata gir. C, Tor Sapienza-Sp. Montesacro 1-2

Calcio: Juniores Elite, 22° giornata gir. C, Tor Sapienza-Sp. Montesacro 1-2

25 Febbraio 2023 0 Di Giorgio Zanirato

Questo articolo è già stato letto 336 volte!

Di Giorgio Zanirato

 

TOR SAPIENZA: Ferrante, Mariani Topino (38’st Alimenti), Finocchi (51’st Fredda), Consorzio (31’st Giuliani), Di Giovannantonio, Fioravanti, Pisani (44’st Colaneri), Attini, Buonanno, Glenowski, Ciotti. A disp: Sallusti, Imperi, Fazi, Silva de Oliveira, Benlehzil. All. Fabio Palmucci (squal., in panchina Roberto Leonardi)

SP. MONTESACRO: Di Brita, Di Pierro, Mattei, Spadoni (14’st Del Mastro), Vicentini, Iacovacci, Cometti (10’st Venuto), Soli, Ferretti (7’st Perni), Salvini, Passarelli (21’st Paladini). A disp: Zulini, Moretto, Melillo, Mellace. All. Andrea Giovanni Simeone (squal., in panchina Fabrizio Rosati)

ARBITRO: Cifra di Latina

MARCATORI: 7’st Attini (T); 11’st Passarelli (S); 30’st Perni (S)

NOTE: Spettatori 150 circa. Espulso: Venuto (S) al 30’st per blasfemia. Ammoniti: Spadoni, Vicentini, Consorzio, Finocchi, Iacovacci, Salvini. Angoli: 3-3. Recupero: 2’pt; 6’st

 

Lo Sporting Montesacro si aggiudica lo scontro diretto in casa del Tor Sapienza, in rimonta ed in inferiorità numerica, conquistando altresì la matematica certezza di giocare le finali regionali per il titolo detenuto dalla Vigor Perconti, avversaria sabato prossimo al “Muratori”. I gialloverdi, dal canto loro, anche a causa di risultati avversi sugli altri campi, vedono rimescolarsi le carte in ottica post-season, con alle porte la difficile trasferta di Via Norma contro il Savio. Alla formazione di Palmucci servirà ottenere quattro successi, ma soprattutto servirà uscire con i tre punti dalla tana dei blues di Fiorentini, sconfitti a Genazzano in questo turno dall’Audace, che ha raggiunto il club di Colli Aniene al quarto posto. 

Gara piuttosto bloccata in avvio, come del resto accade in match come questi. Per assistere alla prima occasione da rete bisogna attendere il 19′, quando da un calcio piazzato di Salvini nasce la ghiotta opportunità per Ferretti, che raccoglie il pallone nel cuore dell’area e di prima intenzione calcia in porta. Il centravanti ospite, però, deve fare i conti con un superlativo Ferrante, assai reattivo nel deviare oltre la traversa. Ospiti di nuovo pericolosi al 28′, ancora una volta con il proprio n°9, che riceve un cross al bacio dalla destra ad opera di Passarelli e di testa prova a sorprendere l’estremo difensore di casa, ma ancora una volta a vincere la sfida è il portiere del Tor Sapienza, che senza dubbio meriterebbe un’occasione dal professionismo per ciò che sta facendo vedere in campo; non è facile, non dipende solo dal ragazzo, ma il talento c’è e si vede. Si resta dunque sullo 0-0, ma la capolista ha già costruito due nitidissime palle goal. La risposta dei gialloverdi è affidata ad un batti e ribatti su azione d’angolo sei giri di lancette più tardi, prima con Buonanno che si vede respingere la conclusione da Di Brita e successivamente con Glenowski che non inquadra la porta sulla respinta del portiere (34′). Vibranti le proteste dei padroni di casa al 44′, per un contatto in area fra il n°1 bianconero e Attini: l’estremo difensore è uscito a vuoto sul lancio per il capitano dei gialloverdi, travolgendolo poi da terra. Per l’arbitro è tutto regolare, le immagini restano ma il rigore non viene assegnato. Si va così all’intervallo sul parziale di 0-0

La ripresa si apre con il Tor Sapienza che sblocca il punteggio al 7′, grazie all’ennesima esecuzione magistrale di un calcio piazzato da parte di Attini, sulla quale Di Brita davvero non può farci nulla. Questo ragazzo ha davvero talento per quanto riguarda le palle inattive, un mix fra Del Piero e l’indimenticabile (anche per chi non è di fede doriana o laziale) Mihajlovic, oltre ad essere davvero un leader in campo (come dovrebbe essere chi ormai è considerato “fuoriquota”, essendo un 2003). La gioia per il goal dura però soltanto quattro minuti, dato che lo Sporting rimette tutto in parità già all’11’, sfruttando una disattenzione della retroguardia di casa e realizzando il punto dell’1-1 con Passarelli, con un diagonale di destro che sorprende Ferrante. Gara vibrante, che prende una strada ben delineata al 30′, quando gli ospiti mettono la freccia ed operano il sorpasso: altra palla inattiva scodellata a centro area, questa volta il più lesto di tutti a raccoglierla è Perni, che con il sinistro beffa per la seconda volta l’estremo difensore di casa. Nell’esultanza, Venuto si lascia andare a qualche parola proibita di troppo, udita dal fischietto pontino che lo invita ad andare sotto la doccia anticipata, lasciando così i suoi compagni in dieci uomini.

Il Tor Sapienza prova a sfruttare l’uomo in più, ma gli avversari si chiudono in maniera efficace e non lasciano spazio ai gialloverdi, conducendo così in porto una gara importantissima ai fini della graduatoria: con il Savio a -6, ma con il vantaggio degli scontri diretti, sarà importante non perdere contro i Campioni in Carica sabato prossimo e provare a fare lo stesso risultato degli avversari nelle ultime tre giornate (in cui la formazione di Simeone affronterà il quasi retrocesso Paliano, l’A. Torrenova a cui basta davvero pochissimo per brindare alla salvezza ed un Villalba che, invece, sta lottando per non perdere ulteriore terreno dal Sora, possibile avversario nello spareggio playout), per riuscire a chiudere il campionato al primo posto. Quanto al Tor Sapienza, lo abbiamo detto in apertura, per accedere al sogno chiamato finali occorreranno quattro gare giocate “alla morte”, a partire dal prossimo scontro diretto; servirà massima concentrazione fino all’ultimo secondo, ma questo gruppo può davvero lottare per qualcosa d’importante. 

 

 

 

 

 

Il servizio del match: