Calcio: Seconda Categoria, Vis Casilina ad un passo dalla bandiera a scacchi

Calcio: Seconda Categoria, Vis Casilina ad un passo dalla bandiera a scacchi

8 Giugno 2023 0 Di Giorgio Zanirato

Questo articolo è già stato letto 358 volte!

Roma – Una giornata al termine del campionato di Seconda categoria e la Vis Casilina è a un passo dal trionfo. La formazione di mister Stefano Pasquini è al comando del girone, a pari merito con il Torrenova: nell’ultimo turno ci sarà la sfida interna contro la Fidelis Roma, mentre la diretta concorrente sarà di scena sul campo del Sempione quinto della classe. “Non credo che ci saranno sorprese – dice il presidente Enrico Gagliarducci – Con ogni probabilità nell’ultimo turno noi e il Torrenova resteremo a pari punti e quindi ci sarà bisogno dello spareggio. In ogni caso credo che anche la seconda classificata del nostro girone alla fine approderà in Prima categoria, ma posso annunciare sin da adesso che la Vis Casilina cambierà totalmente il programma per quanto concerne la prima squadra”. Il massimo dirigente entra nello specifico di questa decisione: “Il calcio dilettante ha preso una piega davvero sbagliata, a mio parere. Non è un caso che parecchie società arrivano fino alla Promozione e poi spariscono e sono costrette a ripartite dal basso. Alcune società importanti di Roma già hanno fatto un deciso cambio di strategia in tal senso, considerando anche gli altissimi costi di gestione tra bollette e affitti: i calciatori devono capire che non si può vivere di calcio quando si gioca nelle categorie dilettanti, ma che eventualmente lo si può cominciare a fare dall’Eccellenza o dalla serie D in su. Comunque la Vis Casilina nella prossima stagione cambierà il programma, sia che si giocherà in Prima categoria o che si rifarà la Seconda: abbiamo già in mente di far salire sette ragazzi del settore giovanile, poi continueremo a offrire uno staff competente e completo di preparatore atletico e preparatore dei portieri, una cosa che non sempre si trova a questi livelli. Abbiamo lavorato bene in questi due anni di settore giovanile, salvandoci con l’Under 17 regionale quest’anno e provando a chiedere un ripescaggio nell’Under 15, dopo il terzo posto di questa stagione tra i provinciali. Dobbiamo valorizzare i nostri ragazzi”.

Area comunicazione